Home -> Veneto -> Zaia in conferenza stampa: i rientri dalle vacanze stanno pesando sul report dei contagi

Zaia in conferenza stampa: i rientri dalle vacanze stanno pesando sul report dei contagi

Zaia ha chiamato all’appello i giornalisti nel consueto punto stampa presso la Protezione Civile Regionale di Marghera.
Comunicazioni importanti che come sempre sono state anticipate dal bollettino quotidiano comparato con i dati veneti del 18 maggio, esattamente 90 giorni fa, quando l’epidemia cominciava ad avere una prima fasce calante.

Fino a quest’oggi, la sanità veneta ha effettuato 1.416.948 tamponi.

Il totale positivi sono 2.584 in più in 90gg, da 18950 del 18/5 si è passati a 21534 di quest’oggi.

Le persone in isolamento sono passate da 3840 a 6585. Rispetto a 90 giorni fa, in isolamento ci finivano solo famigliari e amici, ma ora con il contact tracing i sanitari rintracciano anche le altre persone che sono venute in contatto con i positivi.

Ricoverati: erano 541 (il 18/5) ora sono 118, di cui solo 35 positivi.
Le terapie intensive: da 51 (il 18/5), ora sono 8.

Zaia ha portato l’esempio dei 3 ricoverati a Padova. C’è una bimba, positiva al Coronavirus ma è lì per altra origine (esistono 3 casi in Italia), un altro paziente è sotto terapia per un infarto, ed è positivo.
infine, il terzo soggetto è un 90enne.

I decessi raggiungono la cifra tonda 2100, 197 decessi in più rispetto al 18 maggio (erano 1803).

In Veneto solo il 27.25% degli isolati è positivo. In pratica uno su quattro.
Tra tutti gli isolati ci sono 135 sintomatici di cui solo il 2,6% presenta sintomi.

La partita delle vacanze sta pesando.
Se guardiamo Treviso, qui ci sono 35 persone che vengono dalla Croazia che risultano positive.
E’ un indicatore importante. Treviso è alle prese, oltre ai rientri dalle vacanze, con i focolai dell’ex Caserma Serena, della BRT e ora importante quello scoperto presso il reparto macellazione dell’azienda Aia di Vazzola.
Finora, i tamponi eseguiti su 198 dipendenti dell’Aia, filiale trevigiana, solo 5 risultano positivi.

Il governatore ha poi comunicato che le Ulss del Veneto stanno rafforzando i punti di accesso rapido.
Sono sostanzialmente dei punti dove i vacanzieri o altre persone che necessitano, possono recarsi dalle 7 alle 13, sabato e domenica compresi, per effettuare il test.

Punti di accesso rapido (Veneto Orientale e Treviso):

1) Ospedale di Castelfranco Veneto: via Dei Carpani, entrando direttamente con l’auto dalla portineria;
2) Ospedale di Treviso: 1° piano Ospedale Ca’ Foncello, Padiglione Malattie Infettive;
3) Ospedale di Oderzo: Piano terra, palazzina portineria (area Guardia Medica)
4) Distretto socio-sanitario di Conegliano: via Galvani 4, entrando direttamente con l’auto.

ULSS4:

  • a Portogruaro presso il distretto socio sanitario di via Zappetti 23 (ex Silos), dalle ore 7.00 alle ore 13.00;
  • a San Donà di Piave in via Girardi 23, dalle ore 7.00 alle ore 13.00.

La Regione, ha poi reso noto Zaia, alla luce delle comunicazioni dell’OMS, intende estendere i test anche ai turisti di rientro dalla Francia meridionale, in Occitania, dove è stato scoperto un mega focolaio. Parte così un appello che si rechino nei punti di accesso rapido.

Preoccupano anche i report dei nuovi casi che stanno interessando aItri paesi europei quali: Austria, Olanda e Gran Bretagna.

Infine il tema medici di base e operatori della scuola.
Zaia si dice preoccupato per la vertenza innescata dai medici di base chiamati a testare i 90 mila operatori della scuola. Il Presidente fa notare come questa cifra suddivisa per i medici di base, risultano 20 soggetti a medico.
Alcune provincie, come Verona e Vicenza, hanno trovato l’accordo, la speranza che anche le altre si aggiungano al più presto.
Si appella anche al principio di collaborazione, in assoluto un anello fondamentale, e chiede un ulteriore sforzo ai medici di famiglia.
E’ necessario che il personale sia testato prima dell’inizio della scuola.

Alla fine, conclude, i medici di base sono chiamati ad eseguire i test solo sui loro pazienti che lavorano nella scuola.

La Regione Veneto sta distribuendo il kit delle Saponette per eseguire il test rapido, tramite le ULSS.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*