Friuli Venezia Giulia

Volley donne/Nulla da fare per la Cda contro Marsala

Trasferta infruttuosa per la Cda Talmassons partita dal Friuli per raggiungere una delle tappe più lontane del suo campionato di A2: la siciliana Marsala.
Una sfida che si sapeva difficile, ma nella quale, forse, le ragazze di coach Guidetti avrebbero potuto dare di più.

La cronaca dell’incontro finito 3 a 1 per le padrone di casa:

Buon primo set della CDA che si aggiudica con il punteggio di 25 a 21 grazie a una maggiore lucidità rispetto alle avversarie nella parte finale del set.
In evidenza Joly in attacco e una buona disposizione a muro con Stocco in evidenza.

Secondo set con un inizio favore delle padrone di casa che si portano sul 12 a 6.
Nonostante i tanti cambi di Guidetti con Poser, Criatante e Petruzziello la CDA non riesce a recuperare e Marsala si aggiudica il secondo set per 25 a 14.

Dopo un inizio a favore della CDA a metà set si viaggia in perfetta parità 13 a 13.
Sul 20 pari la Siegel allunga 22 a 20.
Si spegne la luce in casa Talmassons che perde il set per 25 a 21.

Quarto set con una CDA che subisce fin dall’inizio la maggiore determinazione delle padrone di casa riuscendo solo nel finale a mettere in discussione il risultato sul 23 pari.
Finale che premia però Marsala 27 a 25 dimostratasi più squadra e con la mentalità giusta, che al momento manca alla CDA, per affrontare la pool salvezza Guidetti dovrà lavorare molto su questo aspettò perché in questo momento la CDA si sta dimostrando squadra molto slegata nei reparti e con notevoli problemi a livello psicologico.

Il tempo per recuperare c’è, bisogna assolutamente ritrovare compattezza di squadra, consapevolezza e fiducia nelle proprie potenzialità.
Alla Società delusa anche da questa prestazione non rimane che stimolare ulteriormente la squadra:

“È evidente che a questo punto possiamo solo scaricare sullo staff e la squadra la responsabilità di trovare la ricetta giusta.
Quello che ci auguriamo è di vedere al più presto una reazione, una voglia di lottare ancora di più, perché, se non l’abbiamo capito, il nostro cammino verso la salvezza si sta complicando sempre di più”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button