Venezia

Vivijesolo/Un messaggio di speranza da tre religiosi di fedi diverse

“Siamo tutti fratelli, tutti viaggiatori di questo tempo così difficile e così incerto”. Con questo spirito, la redazione di ViviJesolo, il free magazine di Jesolo in distribuzione da domani, ha deciso di rivolgersi ai rappresentanti di tre religioni diverse per chiedere un messaggio di speranza. “In una città cosmopolita come Jesolo – spiega ancora l’editore Next Italia – che accoglie, dà casa e lavoro, ai cittadini del mondo, abbiamo voluto che, a darci un segno di speranza ed un messaggio di luce e di pace, fossero un monsignore, un rabbino capo ed un imam. Per un abbraccio che accolga ogni singola persona”.

Ecco, allora, che intervengono mons. Gianni Fassina, arciprete della parrocchia di San Giovanni Battista di Jesolo dal 2013; Daniel Elyahou Touitou, rabbino capo della Comunità Ebraica di Venezia da oltre un anno; Hamad Mahamed, imam del Centro Islamico di Marghera, dal 2008. “Il coronavirus – ha detto in un passaggio mons. Fassina – non guarda in faccia nessuno. Aggredisce il ricco e il povero, il colto e l’ignorante, l’ateo e il credente, il cristiano, il musulmano e l’ebreo. La sofferenza non conosce distinzioni”… “Il calore della solidarietà travalica ogni muro ed emerge in questa situazione tutta la bellezza e la forza dell’altro”.

“Quando si scontrano la Luce e il Buio – ha tra l’altro detto il rabbino capo, riferendosi alla festa di Channukkah – la vittoria della Luce è piuttosto facile perché il contrasto è ovvio e la Luce riesce ad allontanare il Buio, come dice il detto chassidico: un po’ di luce allontana molto buio”.
“Recita il Corano (per ogni difficoltà) – si legge in un passaggio dell’intervento dell’imam – : anche la vita ci insegna che, dopo ogni crisi, arriva un sollievo. Perciò noi tutti quanti, lingue diverse, colori diversi, culture diverse dobbiamo munirci di fede e speranza e gettare dietro le spalle il senso negativo della nostra vita…”.

In questo numero speciale di dicembre, ViviJesolo riporta storie, interviste, anticipazioni sugli eventi 2021 e quanto si svolgerà per le festività natalizie. Consigli per gli acquisti, anche per il delivery, i luoghi da visitare a due passi da casa ed i progetti per i turismo del prossimo anno. Il calendario 2021 con un’altra, bellissima, foto di Claudio Vianello.
E, poi, una grande sorpresa per i lettori.

Giovanni Giusto, cantautore, fondatore e presidente dell’associazione Teatro dei Pazzi, ha scelto ViviJesolo per anticipare la canzone che ha dedicato a chi lavora nel mondo dello spettacolo e che, in questo momento, a causa dell’emergenza sanitaria, non può lavorare. Inoltre, attraverso un qrcode, è possibile vedere, in anteprima nazionale il videoclip della canzone, intitolata “Aspettando, godrò” (titolo che omaggia la celebre opera teatrale “Aspettando Godot”). “E’ un messaggio di speranza, perché un giorno tutto finirà e dovremo farci trovare pronti”.
La canzone sarà inviata anche al ministro della cultura, Dario Franceschini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button