Veneto

Virus e leggi/La regione Veneto precisa

Alla luce di notizie che si sono susseguite ieri su alcuni organi di stampa, secondo cui la Regione del Veneto avrebbe introdotto sanzioni penali e arresti, dunque il carcere, per le persone positive al Coronavirus che violino gli obblighi dell’isolamento fiduciario, la Regione puntualizza che la nuova ordinanza non prevede nulla di tutto ciò.

La Regione non ha infatti alcuna competenza nel disporre misure di questo tipo.
Sono leggi nazionali a prevedere un regime penale per chi, positivo al Coronavirus, violi gli obblighi previsti dalle autorità sanitarie.

In altre parole, il Governatore veneto non ha istituito particolari e impossibili “punizioni” ma solo ricordato ciò che prevede già la legge italiana.

Inoltre, l’effettiva trasmissione del contagio ad opera di soggetti che non si sottopongono ad isolamento obbligatorio, secondo le disposizioni statali e regionali, può integrare una fattispecie di reato ai sensi, tra l’altro, dell’art. 452 c.p., come risulta anche dall’art. 4 del d.l. 19/20.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button