Venezia

Venezia/Il Ten. Col. Leuzzi lascia il comando del Nucleo Investigativo

Giunto nel settembre 2017 con il grado di Maggiore, poi promosso al grado superiore, il Tenente Colonnello Emanuele Leuzzi lascia in questi giorni il Comando del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale dei Carabinieri di Venezia.
Il periodo da lui trascorso al Nucleo Investigativo è stato costellato da diverse inchieste condotte, sotto la direzione dell’Autorità Giudiziaria, sia in ambito locale che internazionale. Ricordiamole:

  • l’indagine “San Marco” che ha portato alla disarticolazione di un sodalizio criminoso composto da cittadini estoni dediti in tutta Europa alla consumazione di rapine in gioiellerie, tra cui quella tentata in piazza San Marco il 17 marzo 2017 con l’uso di fumogeni;
  • l’indagine “Abbraccio” che ha portato a disarticolare un sodalizio criminoso composto da cittadini rumeni dediti alle rapine e ai furti con strappo di orologi di pregio in danno di persone anziane, in Italia e all’estero, che ha portato al sequestro di 1.665 autoveicoli, per un valore complessivo di oltre € 13 milioni di euro;
  • l’indagine “Revenge” che ha portato a disarticolare un sodalizio criminoso composto da sinti dediti alla consumazioni di numerosissimi furti in abitazioni ed in danno di persone anziane;
  • l’indagine “Venexian Safes” che ha portato alla disarticolazione di un sodalizio criminoso composto da cittadini rumeni e moldavi dediti alla consumazione di furti in danno abitazioni di pregio in area lagunare ed esercizi pubblici;
  • l’indagine “Indoor” che ha portato alla disarticolazione di un sodalizio criminoso composto da cittadini dell’est Europa che importava ingenti quantitativi di sostanza stupefacente del tipo “marijuana”;
  • l’indagine “Yaba smuggler” che ha portato ad un sequestro record in ambito nazionale di circa 36.000 pastiglie di sostanza stupefacente di tipo sintetico denominata “yaba” o droga di hitler.
  • Sempre l’ufficiale ha coordinato l’inchiesta che ha portato a risolvere il giallo dell’omicidio di Marcella Boraso, che ha portato all’arresto degli autori dell’efferato gesto.
    Con i suoi collaboratori ha proceduto anche all’arresto di numerosi latitanti che si trovavano nel veneziano ma anche all’estero.
    Il Tenente Colonnello Leuzzi nei prossimi giorni andrà ad assumere l’incarico di Comandate del Nucleo Informativo presso il Comando Provinciale di Milano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button