Venezia

Venezia: Capodanno di musica e luci. Due stranieri denunciati per i botti

Tantissime persone hanno assistito, in tutto il territorio comunale, agli eventi organizzati per il Capodanno 2020, tra spettacoli pirotecnici, concerti, arte e voglia di iniziare al meglio il nuovo anno.
Le manifestazioni organizzate dall’Amministrazione hanno riempito soprattutto piazza San Marco, riva degli Schiavoni e piazza Ferretto e sono state rese possibili da un “esercito” di oltre 1.500 operatori, cui si devono aggiungere gli agenti della Polizia di Stato, dei Carabinieri, della Guardia di Finanza, della Capitaneria di Porto e le squadre del Suem 118 e dei Vigili del fuoco, in perfetta sinergia con Prefettura.

Poche le problematiche sul fronte della gestione dei flussi, complice anche l’ordinanza con cui è stato disposto il divieto di portare con sé bombolette di spray al peperoncino nei luoghi più affollati e il divieto di consumazione di bevande in contenitori di vetro.
Agenti della Questura sono dovuti intervenire verso mezzanotte per bloccare due turisti stranieri che, all’esterno del perimetro delimitato dai varchi di controllo in zona Marciana, hanno esploso dei botti durante lo spettacolo pirotecnico. Entrambi saranno denunciati a norma di legge.
I Vigili del fuoco, invece, sono intervenuti alle 4 di mattina al Diporto Velico di Sant’Elena per domare un incendio le cui cause sono in corso di accertamento. I pompieri hanno operato assieme alla Polizia locale anche per mettere in sicurezza il punto di rampa Santa Chiara dove un bus Actv, fuori servizio, ha arrestato la propria marcia per un problema all’impianto di alimentazione a metano, con conseguente fuoriuscita del carburante. Il mezzo è stato trainato in deposito senza conseguenze per la viabilità.

L’afflusso e il deflusso della folla si è mantenuto piuttosto fluido, grazie ai dispositivi di “safety” e “security” predisposti in corrispondenza degli eventi principali. Sono state decine di migliaia le persone che hanno assistito ai tradizionali fuochi d’artificio in Bacino nelle aree dedicate, cui se ne sono aggiunte altre nelle zone circostanti.

Piazza Ferretto a Mestre è stata affollata soprattutto da un pubblico giovane desideroso di assistere al concerto del rapper Anastasio.
La serata è stata aperta dalla presentatrice Barbara Clara, che ha calcato lo stage assieme al dj e producer Mauro Ferrucci, all’influencer Alice Basso e alla tribute band degli U2 Velvet Dress.

Importante l’impegno profuso da Veritas: dalle 2.30 sono entrati in servizio a Venezia 5 imbarcazioni e 55 netturbini, cui si sono aggiunti, dalle 6, altre 26 imbarcazioni e ulteriori 40 operatori.
Sensibile il calo dei rifiuti in centro storico, complice il divieto di utilizzo di bottiglie di vetro: in area marciana e limitrofi sono stati raccolti 11 metri cubi di vetro, plastica e lattine da avviare al recupero e 4 metri cubi di rifiuti indifferenziati, a Dorsoduro sono stati 7, nell’intero sestiere di San Marco 13, a San Polo e Cannaregio 10, a Castello 15. Alle 4 di mattina piazza San Marco era già completamente pulita.

Actv, in aggiunta ai servizi di navigazione normalmente previsti, ha integrato l’attività con numerose corse aggiuntive con quasi 10mila persone trasportate in sfollamento dall’area dello show pirotecnico.
Per quanto riguarda il servizio automobilistico il deflusso da piazzale Roma dopo la mezzanotte è risultato regolare proseguendo fino alle 4 del mattino con quasi 160 corse effettuate in direzione Mestre, Marghera, Dolo e Mirano.

Capitolo mobilità privata: alle ore 22 del 31 dicembre i posti dell’Autorimessa comunale risultavano esauriti, così come al park Sant’Andrea.
In terraferma sono stati molto utilizzati dai cittadini il parcheggio Candiani e il Park Costa. Sostenuto anche l’utilizzo del People Mover, rimasto eccezionalmente aperto fino alle 3 del mattino.
Stamattina sono proseguiti i festeggiamenti con il grande concerto di Capodanno dell’Orchestra e del Coro del Teatro La Fenice, con direzione del maestro Myung-Whun Chung in diretta su Raiuno, e il bagno degli ibernisti al Lido.
Un’importante opportunità è stata offerta dalla Fondazione Musei Civici: oggi Palazzo Ducale, Museo Correr, Ca’ Rezzonico – Museo del Settecento veneziano e il Museo del Vetro hanno aperto le loro sedi dalle 10.30.

ibernisti al Lido

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button