Venezia

Veneto Orientale: i contagi comune per comune

Il dottor Lorenzo Bulegato, responsabile del Servizio Igiene e Sanità Pubblica della Ulss 4 ha tracciato il quadro dei contagi, passato da una media di 5 giornalieri a inizio ottobre, ai 24 giornalieri di metà ottobre, ai 50 giornalieri di fine ottobre.

Negli ultimi 3 giorni le nuove positività hanno seguito un trend altalenante ma in aumento: lunedì 2 novembre sono stati 72 i nuovi positivi riscontrati nel territorio di questa Ulss, ieri erano 144 ed oggi sono 96.

Allo stato attuale sono complessivamente 726 i contagiati nell’ambito dell’Ulss4 così distribuiti: Annone Veneto 15; Caorle 32; Cavallino Treporti 65; Ceggia 14; Cinto Caomaggiore 6; Concordia Sagittaria 15; Eraclea 47; Fossalta di Piave 13; Fossalta di Portogruaro 9; Gruaro 3; Jesolo 103; Meolo 29; Musile di Piave 37; Noventa di Piave 22; Portogruaro 48; Pramaggiore 25; San Donà di Piave 141; San Michele al Tagliamento 14; San Stino di Livenza 53; Teglio Veneto 5; Torre di Mosto 30.

Se il numero dei contagi viene rapportato al numero della popolazione del Veneto orientale (228.636 residenti) la percentuale dei contagi equivale allo 0,3%.
Sul fronte scuole dall’inizio dell’anno scolastico al 30 ottobre il numero complessivo dei casi indice (contagiati) è salito a 73, questi hanno generato 2255 tamponi a studenti e personale scolastico che hanno coinvolto 20 istituti e 70 classi.

Case di riposo.
Un bilancio positivo quello tracciato dal direttore dei Servizi Sociosanitari, Mauro Filippi, infatti ad oggi i contagi nelle case di riposo e nelle strutture residenziali/occupazionali per disabili ammontano ad un solo caso. Le stesse case di riposo continuano ad accogliere nuovi ospiti e le visite dei familiari restano consentite.

“Da sempre supportiamo queste strutture con nostro personale – ha osservato Filippi – sia per quanto riguarda l’utilizzo dei dispositivi di protezione e sia in generale nell’organizzazione interna nel rispetto delle misure anti-covid. Inoltre a breve verrà rimodulata l’attività di screening: tamponi rapidi ogni 8 giorni agli operatori delle strutture e ogni 20 giorni agli ospiti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button