Veneto

Veneto/FVG: dov’è finita tutta questa pioggia?

Mò, ve lo spiego: la fase instabile che ha interessato il nord Italia ha toccato solo marginalmente Veneto e ancor meno il Friuli Venezia Giulia tra la serata di ieri e la mattinata odierna.
Alla fine, i settori maggiormente coinvolti sono stati quello pedemontano vicentino occidentale e l’alto bellunese.

In alcune località si sono registrati, come da cartina allegata relativa all’accumulo totalizzato alle 09:00 di stamattina, valori superiori agli 80 mm a Valle e Santo Stefano di Cadore, altre località lungo la valle dell’Ansiei e del Boite, hanno registrato oltre 30 mm (Auronzo e Borca).

Anche l’Alto Vicentino è stato interessato da precipitazioni consistenti prossime ai 50mm come rilevato dalla centralina Arpav di Staro (Valli del Pasubio), Tonezza del Cimone e Recoaro Mille.

precipitazioni in Friuli Venezia Giulia

Nel complesso le precipitazioni si sono rivelate molto localizzate.
La pianura centro meridionale e tutto il veneziano, com’era nelle previsioni, non hanno beneficiato di alcun apporto pluviometrico.

La speranza per gli agricoltori di pianura che le piogge possano ingrossare i fiumi, come il Piave, contribuendo a mitigare la sete dei campi.

il Piave a Ponte della Lasta prima dell’immissione dell’Ansiei

Altro aspetto interessante, il divario tra le temperature montane e di pianura.

Il break temporalesco ha creato un solco di oltre 10 gradi tra le località di fondo valle dolomitici e la pianura dove anche nel corso della notte il termometro non è sceso sotto i 22° rendendo pesante il riposo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button