Treviso

Veneto escluso dallo stanziamento straordinario di 200 milioni per i comuni delle “zone rosse”

«Dopo le richieste inascoltate di un confronto con il Presidente del Consiglio, l’esclusione del Veneto dallo stanziamento straordinario di 200 milioni per i Comuni dei territori particolarmente colpiti dall’emergenza sanitaria è una beffa e un danno ulteriore per i nostri territori».

Queste le parole del sindaco di Treviso e Presidente Anci Veneto Mario Conte che, durante l’emergenza, ha fatto rete con i primi cittadini delle Città capoluogo di Provincia e delle piccole municipalità per raccogliere proposte e istanze.

«Nella Marca abbiamo avuto 1300 persone ricoverate e uno dei primi focolai nel reparto di Geriatria dell’Ospedale Ca’ Foncello che ha determinato l’inserimento di Treviso, con Padova e Venezia, nella “zona rossa”.

Ciò ha comportato, solo per la Marca trevigiana, la perdita di almeno 4.000 posti di lavoro e il rischio di chiusura per il 35% delle attività.
I Comuni veneti sono stati dimenticati pur dovendo, quotidianamente, impegnare risorse e pensare a provvedimenti mirati per sopperire alle mancanze dello Stato.

Un’assurdità alla quale il Governo deve porre subito rimedio.
Noi sindaci siamo stanchi e pretendiamo di essere ascoltati.
Chiediamo con urgenza un incontro con il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button