Veneto

Veneto/Disegno di legge per cambiare le regole degli Agriturismo

Venezia – Su proposta dell’assessore all’agricoltura e al turismo, Federico Caner, la Giunta veneta ha approvato un disegno di legge che integra e modifica la normativa regionale che disciplina le attività turistiche connesse al settore primario.

“L’obiettivo – spiega Caner – è di aggiornare e attualizzare la legge regionale in materia di agriturismo, pescaturismo, ittiturismo, turismo rurale, fattorie didattiche, cioè di quella ricca e multiforme offerta turistica veneta collegata all’agricoltura, un ambito di notevole dinamicità e in continua espansione. Oggi gli agriturismi nella nostra regione sono circa 1.450 e più del 65 per cento di questi dispone di servizi ricettivi. Si tratta di aziende che rispondono alla domanda di ‘vacanze esperienziali’, a contatto con la natura, in ambienti salubri, che puntano alla scoperta di produzioni originali e tipiche e propongono stili di vita che affondano le loro radici in un passato tornato prepotentemente desiderabile”.

“Già prima del tragico manifestarsi del Covid era evidente il trend di crescita del settore ricettivo agrituristico – precisa l’assessore –: nel 2019 in Veneto erano state registrate oltre 1 milione di presenze, con un aumento del 5,8% rispetto all’anno precedente. Gli stessi operatori hanno chiesto di innovare la legislazione in materia, al fine di concretizzare le potenzialità di sviluppo delle attività, sia ampliando la gamma dei servizi che compongono l’offerta, sia per chiarire alcuni aspetti amministrativi dopo il trasferimento delle competenze delle Province in materia di turismo e agriturismo alla Regione e ai Comuni”.

Una prima proposta di riforma di questa legge era già stata inviata in Consiglio lo scorso luglio ma era decaduta con la fine della legislatura. Nel frattempo si sono palesate alcune necessità ma anche nuove opportunità, come la possibilità di inserire, oltre all’enoturismo già previsto nella prima proposta, anche l’oleoturismo, approvato in questi mesi a livello nazionale.

È stata prevista una semplificazione amministrativa per gli agriturismi che intendono svolgere anche le attività di turismo rurale; le stesse attività di turismo rurale sono state suddivise in tre aree tematiche le cui attività “connesse con l’azienda agricola” verranno definite in apposito provvedimento.
Per la ristorazione è stata aumentata la quota dei prodotti di qualità e del territorio, ampliando la gamma anche ai Prodotto di montagna (indicazione facoltativa) e ai Prodotti tradizionali; prevista anche per gli agriturismi la possibilità di effettuare pasti pronti per l’asporto o la consegna, pur nell’ambito del numero massimo di pasti annui autorizzati. Per le fattorie didattiche sono stati meglio esplicitati gli obiettivi specifici di questa tipologia di attività; alcune modifiche concernono infine la riorganizzazione, la semplificazione e una maggior trasparenza nelle procedure per il riconoscimento delle diverse attività previste dalla legge.

“Scopo di questa operazione di aggiornamento – conclude Caner – è di permettere la diversificazione dei servizi offerti dalle imprese agricole per aumentare i redditi degli imprenditori, migliorare e ampliare l’offerta a clienti e turisti, valorizzare e far conoscere le produzioni enogastronomiche tradizionali e locali, diffondere la conoscenza della cultura contadina, della vita rurale e di quella del mondo della pesca, accrescere la fruibilità e la conoscenza del territorio e, nel contempo, salvaguardare e tutelare l’ambiente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button