Venezia

Vaschette: a Marghera la demolizione dell’ultima palazzina

E’ partita questa mattina, lunedì 8 giugno, la demolizione dell’ultima palazzina delle Vaschette a Marghera, area sorta negli anni Cinquanta in via Pasini, a Ca’ Emiliani, per ospitare gli esuli istriano-dalmati arrivati a Venezia dopo la Seconda guerra mondiale.

Strutture lasciate nel tempo all’abbandono e divenute ricettacolo di degrado per la zona.
Alle operazioni di abbattimento erano presenti il sindaco Brugnaro, la vicesindaco Colle e l’assessore alla Coesione sociale Venturini.

“Con oggi – ha spiegato il primo cittadino – ci auguriamo che si metta la parola fine ad una stagione fallimentare di getione dell’edilizia pubblica.
La nostra Amministrazione punta a lanciare progetti di recupero umano e personale rispetto alle difficoltà, anche abitative, che le persone possono trovare durante la vita.

Abbiamo in mente case che siano vivibili, decenti e per questo abbiamo investito, ad esempio, nella riqualificazione di strutture in diversi punti della città, a partire dal centro storico.
E’ giusto pensare che ci siano case pubbliche, pronte a fronteggiare situazioni di emergenza, ma con l’obiettivo che l’emergenza non duri per sempre e che poi si torni a una vita con un proprio equilibrio e normalità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button