Veneto

Vaccinazione Covid/Si parte con la classe ’41 a metà febbraio

E’ un piano vincolato a molte incognite, tutte indipendenti dalla Regione, ma è comunque quanto la Sanità veneta si prefigge per la vaccinazione Covid della popolazione, una volta completata quella di sanitari, operatori vari e ospiti delle Case di Riposo: insomma, tutti gli altri.

Le incognite sono quelle legate alla produzione, alla distribuzione e finanche all’approvazione dei vaccini (vedi AstraZeneca, per il quale il “Si” europeo potrebbe arrivare domani).
Comunque, se vi saranno le forniture, la Regione conta di chiamare al vaccino gli ultra 80enni a partire dalla settimana del 15 febbraio.

I primi saranno i classe ’41, gli 80enni, in quella settimana: si tratta di una coorte di 43.446 persone.
La settimana successiva, dal 22.2, toccherà ai classe ’46, per un totale di 46.371 persone.

Precisazione: si procederà in parallelo con gli over 80 e i 75enni, da qui il calendario di cui sopra.
Il terzo scaglione (dal 1° marzo) vedrà la chiamata dei 40.500 della classe ’40, la successiva spetterà alla classe ’45 (46.700 persone).
Poi, via via gli altri, tenendo presenti sia la necessità del richiamo che la disponibilità di vaccini.
Nella “chiamata” al vaccino verranno spiegati tutti i particolari: dall’ora al luogo della vaccinazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button