Treviso

Ulss2/Nessun rischio chiusura per il Centro Salute mentale di Pieve di Soligo

In merito alla preoccupazione espressa dall’Associazione Psiche 2000 sull’attuale carenza di risorse umane presso il Dipartimento di Salute Mentale, e nello specifico presso il Distretto di Pieve di Soligo, l’Ulss 2 ha diffuso oggi pomeriggio una nota che precisa:

Per quanto riguarda il personale medico, per affrontare il problema della carenza di specialisti, che non è solo di questa ULSS ma nazionale, è già stato bandito un concorso a tempo indeterminato dall’Azienda Zero. È inoltre attualmente in atto una riorganizzazione dipartimentale per fronteggiare la situazione ottimizzando le risorse disponibili.
Per le altre figure professionali citate dall’Associazione, delle quali il turn over è dovuto a pensionamenti, mobilità e congedi per maternità, è prevista la rapida sostituzione.

In ogni caso non è in programma nessuna chiusura dei Centri di Salute Mentale del Distretto di Pieve di Soligo. Le variazioni di orario e le ridistribuzioni territoriali previste per alcuni servizi ambulatoriali e territoriali non sono volte a diminuirne il funzionamento, ma ad aumentare l’accessibilità per l’utenza di tutto il Distretto.

Tali variazioni rientrano infatti nella riorganizzazione dipartimentale, volta a migliorare l’allocazione delle risorse e l’efficienza dei servizi territoriali.
A breve, appena definita, la riorganizzazione sarà condivisa in primis con le Associazioni dei Familiari del Distretto, Psiche2000 e AITsAM, con le quali si ritiene fondamentale mantenere la storica collaborazione a favore degli utenti e con le quali siamo concordi nel sostenere l’importanza della salvaguardia delle risorse umane delle équipe e della continuità della relazione terapeutica nella cura della Salute Mentale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button