Pordenone

Ubriaca in bicicletta tampona l'auto al semaforo

Pizzicati al volante sotto l’effetto di stupefacenti o alcol, 4 automobilisti c’hanno rimesso la patente e sono stati denunciati, ma ad alcuni di loro è andata anche peggio.

Il 53enne sacilese che con una Citroen Xara è andato a sbattere contro il muro di cinta di un’abitazione di Caneva, ad esempio, è finito dritto all’ospedale per la botta rimediata.
Un episodio accaduto in Via Pradego poco dopo mezzogiorno dello scorso 21 dicembre che ora torna alla ribalta perchè sono arrivati gli esiti degli accertamenti medici eseguiti sul sacilese.
Gli esami medici hanno accertato infatti che guidava con un tasso di alcol nel corpo di 1,70 g/l.: più di tre volte il livello massimo consentito.

Altro episodio che risale a dicembre, il 23 del mese, a Fontanafredda.
Qui, intorno alle 13.30, una 37enne di origini brasiliane residente a Porcia perse il controllo della sua Ford Focus finendo prima fuori strada e poi al Pronto Soccorso.
Ai militari intervenuti raccontò di aver cercato di schivare una “biscia” comparsa sulla strada.
Gli accertamenti medici le hanno trovato benzodiazepine nel sangue.

Domenica 12 gennaio, intorno alle 21, i carabinieri di Fontanafredda furono chiamati per un incidente in via Zuccolo a Porcia.
A scontrarsi all’incrocio, due donne: una 39enne ferma al semaforo su una Ssangyong e una 33enne di Porcia ai pedali di una bicicletta.
Evidentemente ubriaca, la ciclista era finita addosso all’auto.
Rifiutò l’etilometro, cosa che si può fare ma che corrisponde ad un’ammissione di colpa con le stesse conseguenze che l’avere certificati 1,5 g/l di alcol nel sangue.
La bicicletta è stata restituita alla proprietaria, la sorella della tamponatrice.

Infine, domenica scorsa, 19 gennaio, sempre a Porcia, i carabinieri di Fontanafredda hanno fermato per un controllo in Via Guarnieri, una Ssangyong Rexton.
Il 40enne rumeno di Fontanafredda che si trovava alla guida (erano le 3 di notte) misurò all’etilometro 1,67 g/l di alcol nel sangue.
L’auto gli è stata sequestrata per la confisca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button