Pordenone

Truffatori seriali/Stavolta la Polizia li allontana dalla città prima che facciano danni

Il sistema di controllo degli ospiti che scendono in strutture alberghiere cittadine, ieri a Pordenone ha portato gli uomini della Questura a concentrarsi su due soggetti risultati avere parecchi precedenti per truffe ai danni soprattutto di anziani.
Si trattava di un 30enne albanese residente nel bresciano e di un 33enne italiano di Verona.

Gli uomini di una Volante e della Squadra Mobile li hanno quindi subito visitati, “invitandoli” in Questura.
la loro specialità sono le truffe ai danni di anziani con il metodo del “tecnico del gas” che installa senza ragione inutili attrezzature per ottenere denaro.
Tra gli altri precedenti dei due figuravano poi anche delitti contro la Pubblica Amministrazione, associazione a delinquere finalizzata a commettere delitti contro il patrimonio e contro la fede pubblica.

Quanto bastava perchè il Questore Marco Odorisio disponesse per entrambi il Foglio di Via Obbligatorio con allontanamento dal territorio della provincia per i prossimi 3 anni, con l’intimazione di fare immediato ritorno nei rispettivi Comuni di dimora.

Sempre nella giornata di ieri, alla sala operativa della Questura è arrivata la segnalazione di una violenta lite all’interno di un appartamento.
Mandata una Volante, gli agenti hanno trovato sul posto quattro persone.
Una di loro, un 39enne marocchino, aveva colpito al capo con un ferro da stiro uno dei presenti, provocandogli una ferita lacero-contusa.
Accompagnati entrambi al Pronto Soccorso, gli agenti dovevano poi nuovamente intervenire perchè i due venivano alle mani.

Gli accertamenti portavano poi alla scoperta che il 39enne marocchino, oltre a contare numerosi precedenti per reati di droga, resistenza a P.U., lesioni personali aggravate, minacce, ricettazione, contraffazione e abusivismo commerciale, eraanche destinatario di un’espulsione dall’Italia. Per lui il Questore ha quindi disposto l’accompagnamento al Centro di Permanenza per il Rimpatrio di Gradisca d’Isonzo, dov’è arrivato stamani e dove attenderà il definitivo allontanamento dall’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button