Home -> Venezia -> Tronchetto/Demolito il vecchio Consorzio ortofrutticolo: al suo posto sorgerà un nuovo parcheggio
La demolizione

Tronchetto/Demolito il vecchio Consorzio ortofrutticolo: al suo posto sorgerà un nuovo parcheggio

Nuovo passo in avanti per il progetto del Comune che mira al completo riordino dell’Isola del Tronchetto.
E’ stata infatti demolita l’ultima campata del vecchio Consorzio ortofrutticolo, nella zona adiacente la stazione del People Mover.

Sull’area sorgerà un nuovo parcheggio per bus turistici: la superficie complessiva sarà di 4.860 metri quadri ed è prevista la realizzazione di 27 stalli per il carico e scarico dei passeggeri.
Il consorzio si è trasferito proprio davanti, all’interno del complesso dell’ex interscambio merci in una struttura nuova e all’avanguardia.

Alla realizzazione del nuovo park è collegato un importante intervento sul piano della viabilità, anche pedonale. A fine aprile, infatti, la Giunta comunale ha dato il via libera alla delibera che prevede lavori, per un investimento totale di 300mila euro, che riguarderanno la realizzazione di una nuova intersezione all’ingresso del futuro parcheggio dei pullman e la sistemazione dell’area circostante, oltre a lavori di manutenzione al ponte ‘Peppino Impastato’ con il rifacimento dei giunti.

La realizzazione della nuova intersezione nasce dalla necessità di adeguare l’incrocio al traffico generato alle diverse esigenze che nasceranno con la futura realizzazione della nuova area di sosta e il numero elevato di mezzi che transiterà nella zona.

Lavori che si inscrivono in un piano di riordino e rilancio generale dell’area: “I progetti stanno andando avanti e già alcuni risultati sono tangibili – dichiara il sindaco Luigi Brugnaro – Il Tronchetto sta diventando il cuore tecnologico della Città grazie alla Smart Control Room e la nuova caserma della Polizia locale. Nell’isola si sta costruendo anche quella dei Carabinieri e conta già di un nuovo mercato turistico giornaliero, che ha sostituito la vecchia casbah, oltre a servizi igienici pubblici e alla riorganizzazione globale degli spazi, tra cui il mercato ittico”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*