Home -> Friuli Venezia Giulia -> Trieste è in lutto per i due agenti uccisi

Trieste è in lutto per i due agenti uccisi

Serrande abbassate dalle 12 alle 12:30 degli esercizi commerciali.
Bandiere a mezz’asta su tutti gli edifici pubblici a cominciare dalla Questura.

In tarda mattinata si è tenuta una cerimonia alla presenza, fra gli altri, del Questore e dei familiari di Pierluigi Rotta e Matteo Demenego, i due agenti uccisi nella sparatoria avvenuta ieri.

Intorno alle 12.30 davanti alla Questura sono arrivate i mezzi dei carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia penitenziaria e Polizia locale.
Tutti gli automezzi si sono schierati davanti al Teatro romano.
A fianco all’ingresso della Questura c’erano i colleghi e i familiari delle due vittime.
Il Questore ha voluto stringere la mano ai tanti operatori delle forze di polizia e, una volta finito, sono state suonate le sirene.
Oggi a rendere omaggio ai due poliziotti sono stati anche tanti triestini, che hanno ricordato le vittime con fiori, candele e messaggi.

Già da questa notte e nel corso di tutta la giornata davanti alla questura di Trieste sono comparsi fiori, biglietti e ceri votivi, un pellegrinaggio che è proseguito per tutta la giornata.
Ieri tutto il modo politico e istituzionale si è stretto su famigliari e colleghi delle vittime.
Il Capo della Polizia Gabrielli e il Ministro dell’Interno Lamorgese sono volati a Trieste per stringersi personalmente intorno alle famiglie di Pierluigi e Matteo ed esprimere vicinanza alle donne e agli uomini della Questura di Via Tor Bandena e ai triestini tutti.
Nel frattempo il Questore di Trieste Giuseppe Petronzi è andato a far visita in visita in ospedale al poliziotto poliziotto rimasto ferito ieri nel conflitto a fuoco.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*