Treviso

Treviso/Minaccia di farsi esplodere davanti al Tribunale per protestare contro lo sfratto

Momenti di tensione, stamani, davanti al Palazzo di Giustizia di Treviso.
Un uomo di 54 anni, Massimo B., residente a Resana, è arrivato in Via Verdi intorno alle 7.30 e si è incatenato al portone d’ingresso del palazzo, al suo fianco una borsa e in bocca la minaccia di farsi saltare in aria.
Il 54enne, di mestiere camionista, ha poi chiesto di poter incontrare il giudice ed il curatore fallimentare che si stanno occupando del suo caso.
Al centro della vicenda che ha scatenato la folle protesta vi è infatti uno sfratto esecutivo ed un fallimento aziendale.
Massimo B. teme di perdere la casa di proprietà dove attualmente vive la sua ex moglie con i figli.
Dopo la mediazione del Questore e di ufficiali di Carabinieri e Guardia di Finanza, intorno alle 10.30 il 54enne ha desistito, consentendo agli artificieri di scoprire che nella borsa non c’era nulla di esplosivo.
Lo sfratto che lo riguarda dovrebbe andare in esecuzione domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button