Treviso

Treviso-Lione: sventata truffa da 45 mila euro

Intendevano truffare una società trevigiana che vende impianti fotovoltaici, ma al termine di un’indagine della Questura trevigiana sono finiti nei guai.

Il tentativo di due imprenditori francesi era consistito nella firma di un contratto di fornitura con l’azienda trevigiana, nel 2019.
Dopo le prime consegne andate a buon fine, l’azienda italiana scopriva che i pagamenti a mezzo bonifico bancario erano stati falsificati dai 2 francesi che in questo modo cercavano di accappararsi 45 mila euro di materiali senza pagarli.

Presentata contro di loro una denuncia in Italia il 4 giugno scorso, i due titolari della società transalpina, tali M.F. ed A.R., con sede nella zona di Lione, si sono visti arrivare a casa la Polizia francese, come da richiesta di quella trevigiana.

I due truffaldini sono stati sottoposti a fermo di polizia ed hanno già ammesso di aver prodotto documenti falsi per ingannare la controparte italiana; inoltre la Gendarmeria francese ha provveduto a porre sotto sequestro la merce indebitamente ottenuta.

Le Autorità francesi, grazie al contributo della Questura di Treviso, hanno ora elementi utili per contestare ai due varie ipotesi di reato, tra cui: riciclaggio di denaro, appropriazione indebita, truffa ed usurpazione di identità.
Ora sono in attesa del loro processo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button