Treviso

Treviso/Il Cabs chiede pene più severe per gli uccellatori

Treviso/La denuncia di un uomo che, stante a quanto riportato, sarebbe stato scoperto nei giorni scorsi nei pressi di Farra di Soligo con trappole, reti e ben trenta uccelli tra cui alcuni appartenenti a specie protette, evidenzia ancora una volta non solo la persistenza del fenomeno illegale dell’uccellagione in provincia di Treviso ma anche di come sia sempre più inderogabile l’esigenza di inasprire i reati specifici.
Lo ha affermato il CABS, l’associazione di volontari esperti in antibracconaggio, a seguito dell’operazione condotta dalla Polizia Provinciale.

Secondo il CABS il riproporsi dell’uccellagione, specie in determinate aree del paese, tra le quali proprio il Veneto, trova una sua spiegazione anche nel lassismo con il quale il legislatore affronta il problema.
“L’Unione Europea – ha riferito il CABS – proprio a causa del mancato rispetto da parte dell’Italia della Direttiva comunitaria in difesa delle specie avifaunistiche, aveva aperto nei confronti del nostro paese il fascicolo EU Pilot, ossia un atto propedeutico alla procedura d’infrazione.

Non si è fatto nulla, anzi peggio – riporta il CABS – L’Italia, infatti ha convinto gli Uffici di Bruxelles a chiudere il fascicolo elaborando un piano contro il bracconaggio che è rimasto però inattuato nei suoi punti salienti.
Tra le “previsioni” pure l’inasprimento delle sanzioni, rimaste però lettera morta”.

Tra gli uccelli sequestrati dalla Polizia Provinciale di Treviso ve ne sono alcuni protetti dalla Convenzione di Berna, firmata nel 1979 ed entrata in vigore in Italia due anni dopo.
“Nel 2020 – ha concluso il CABS – succedono ancora queste cose. E’ evidente che un motivo deve pur esserci”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button