Veneto

Trasporto ferroviario/Dal 14.6 torna l’83% delle corse

L’Assessore ai Trasporti della Regione Veneto, Elisa De Berti, è stata la protagonista della consueta conferenza stampa del Governatore Zaia dalla sede della Protezione Civile a Marghera.

L’Assessore ha risposto a molte domande poste dai giornalisti presenti e ha chiarito come Trenitalia si è trovata ad affrontare negli ultimi giorni, l’assalto dei veneti ai treni per raggiungere e visitare Venezia.
Ecco alcuni numeri sui flussi di mobilità sui treni che l’Assessore ha pubblicato sul suo profilo social e danno l’idea di come è stata affrontata la richiesta con le limitazioni imposte sul distanziamento sociale.

In Veneto i dati di un giorno medio feriale nell’ultima settimana di maggio sono:

32.966 passeggeri pari al 20,4% della domanda pre-covid;
Carico medio a treno 40 passeggeri;

Indice di occupazione medio del 27% (posti con Droplet).

Nei giorni pre-festivi e festivi la mobilità su Venezia ha avuto numeri importanti e l’offerta ordinaria è stata supportata da treni straordinari:

Sabato 30 maggio, 13 treni straordinari sulle linee Verona-Venezia, Bassano-Venezia, Treviso-Venezia e Mestre-Venezia (13 mila persone trasportate nel rispetto del distanziamento);

Domenica 31 maggio, 24 treni straordinari sulle linee Verona-Venezia, Bassano-Venezia, Treviso-Venezia e Mestre-Venezia (20.000 persone trasportate nel rispetto del distanziamento);

Lunedì 1 giugno, 8 treni straordinari sulle linee Verona-Venezia, Bassano-Venezia, Treviso-Venezia e Mestre-Venezia;

Martedì 2 giugno, 29 treni straordinari sulle linee Verona-Venezia, Bassano-Venezia, Treviso-Venezia e Mestre-Venezia.

Come previsto dal DPCM 18 maggio, sui treni è consentito ai ‘conviventi’ sedersi vicini senza distanziamento sociale.

L’Assessore De Berti ha fatto il punto anche sulla programmazione prevista per il prossimo week end:
Sabato 6 giungo 295 treni;
Domenica 7 giugno 199 treni;

Infine, dal 14 giugno, Trenitalia tornerà ad operare con convogli che copriranno l’83% dell’offerta pre-covid

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button