Prendi nota

Tiro con l’Arco/La specialità olimpica torna a Montebelluna

Domenica 4 ottobre riprenderanno le gare di Tiro con l’Arco anche in provincia di Treviso, nel Campo di Tiro con l’Arco di Montebelluna, una delle pochissime strutture fisse e omologate del Veneto.
A metà settembre questo sport era già tornato sul Montello, grazie all’impegno di Archery Club Montebelluna, con una gara 3D (tipologia che simula la caccia utilizzando sagome di animali) dove però gli arcieri della divisione arco olimpico non sono ammessi: la gara di domenica tratterà invece il tiro alla targa, ossia la formula utilizzata nelle Olimpiadi.

Dopo le gare di Stigliano di Santa Maria di Sala (VE) e di Limana (BL), organizzate rispettivamente dagli Arcieri Stigliano e dagli Arcieri del Piave, è proprio Montebelluna ad organizzare il terzo evento in Veneto dopo la pandemia che forzatamente ha sospeso l’attività agonistica in tutta Italia.
Voleranno quindi le frecce a tutte le distanze, dai 70 metri per gli atleti più grandi (senior e junior), ai 40 metri per i ragazzi e ragazze più piccoli in una gara valida alla qualifica dei Campionati Italiani Targa 2021.

All’evento sono iscritti oltre 100 atleti da tutto il Veneto e non solo, a dimostrazione del grande desiderio di ritornare in competizione ma soprattutto di stare assieme, nel rispetto delle regole che FITARCO (Federazione Italiana di Tiro con l’Arco) ha strutturato con grande attenzione per poter riprendere le competizioni in totale sicurezza.

La gara sarà anche il momento di avvio di una nuova sinergia tra due società sportive del territorio: ad organizzare la gara saranno gli Arcieri Decumanus Maximus che utilizzeranno la struttura montebellunese, grazie all’ospitalità e alla collaborazione degli arcieri di Archery Club Montebelluna, frutto dell’amicizia che lega le due società operanti entrambe ai piedi del Montello.

Le due società hanno inoltre in progetto l’organizzazione di numerose gare da mettere a calendario nazionale 2021 nelle varie specialità e divisioni: esempio straordinario che dimostra come in momenti difficili come quello che sta vivendo lo sport, in particolare quello delle ASD che vivono grazie alla passione dei volontari, stringersi assieme e collaborare possa essere la soluzione per superare meglio le difficoltà.

Un modo anche per dare lustro all’impianto sportivo di Montebelluna che dal 2021 diverrà sicuramente il cuore pulsante delle competizioni per tutti gli appassionati di tiro con l’arco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button