Treviso

Temporali e grandine attraversano il Veneto da ovest ad est. Asolo sommersa di grandine, danni ai vigneti nella Sinistra Piave trevigiana

Un esteso sistema temporalesco ha attraversato il Veneto da ovest verso est nella serata di ieri, portando con sé forti grandinate, piogge torrenziali e un’autentica tempesta di fulmini.

le precipitazioni in mm fino alle ore 24 del 24 maggio
le precipitazioni in mm dalla mezzanotte a questa mattina del 25.05.2022

I fenomeni più intensi hanno interessato le aree pedemontane, in particolare del veronese, vicentino e trevigiano, dove sono stati segnalati numerosi allagamenti e danni causati dal forte vento.

Sono stati oltre una decina gli interventi dei vigili del fuoco nell’alto vicentino, un condominio si è ritrovato con il tetto scoperchiato a Montecchio Maggiore, oltre a danni dovuti all’acqua e i pompieri hanno operato numerosi prosciugamenti, un automobilista è rimasto bloccato con l’auto nel sottopasso allagato. a Sempre danni d’acqua e prosciugamenti a Bassano del Grappa e Schio. Ad Arzignano, danni su contatori elettrici.
Nella zona di Asolo si è abbattuto un fortunale che ha portato un carico di grandine. In poco più di mezz’ora le vie del centro sono state ricoperte di uno strato di 20/30 centimetri di chicchi di ghiaccio.
In nottata cittadini e operai del comune al lavoro per liberare le strade dal ghiaccio.
Ingenti anche i danni alla vegetazione, agli orti e ai vigneti.

Una propaggine del fortunale si è staccata dalla fascia pedemontana e ha attraversato la pianura della Sinistra Piave partendo dalla zona di Cimadolmo, passando per San Polo di Piave, Oderzo, Mansué, Motta di Livenza per poi dirigersi poco a nord di Portogruaro.

grandine caduta a Motta di Livenza

Danni vengono segnalati alle auto, orti distrutti e grandi danni alla viticoltura locale.

Tetto del polivalente danneggiato – operai al lavoro

La violenza dei chicchi di grandine ha perfino danneggiato il cappotto termico appena installato o provocato danni al soffitto del polivalente in Foro Boario di Oderzo con conseguenti danni provocati dall’acqua.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button