Home -> Spettacoli -> Teatro Verdi Pordenone: si aprono da lunedì 14 settembre le prevendite

Teatro Verdi Pordenone: si aprono da lunedì 14 settembre le prevendite

Il Teatro Verdi di Pordenone prosegue la sua attività proponendo per i prossimi mesi, tra il 25 settembre al 21 dicembre, un ricco cartellone di spettacoli dal vivo, con ben 19 proposte tra prosa e musica.

Si apre da lunedì 14 settembre la vendita dei singoli biglietti per tutti gli spettacoli del cartellone che sarà inaugurato venerdì 25, con replica sabato 26 settembre, dallo spettacolo “Ma tu sei felice?”, che la coppia Claudio Bisio e Gigio Alberti ha sperimentato durante il lockdown come webserie ed è ora diventato uno spettacolo per le scene.

Fino al 30 settembre chi acquisterà i biglietti online non pagherà commissioni.

Prosegue, poi, per l’intero periodo di programmazione anche la sottoscrizione degli abbonamenti che vengono proposti con una nuova modalità, ovvero una scelta completamente libera per il pubblico.

Da segnalare che nella prima fase di sottoscrizione dei carnet, iniziata lo scorso 3 settembre, alcuni spettacoli risultano momentaneamente esauriti.

Il contingentamento dei posti in sala imposto dalle attuali normative, infatti, con la formula un posto sì e uno no al fine di garantire il distanziamento, ha ridotto la normale disponibilità del teatro: i posti in sala potranno essere eventualmente ampliati da future disposizioni.

I posti non sono fissi e gli utenti possono, volendo, fare anche tutto da casa (posti assegnati in automatico), compilando il modulo scaricabile dal sito del teatro e pagando con bonifico bancario: i diversi tagliandi vengono inviati direttamente via mail.

In alternativa possono recarsi alla Biglietteria del teatro nei consueti orari (dal lunedì al venerdì dalle 16.00 alle 19.00 e il sabato dalle 10,00 alle 12.30 e dalle 16.00 alle 19.00).

Un’offerta speciale viene riservata per la “Maratona Beethoven-Listz” del 6 dicembre con un pacchetto ad hoc per assistere ai 5 concerti e a tutta la giornata di musica.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*