Home -> Prendi nota -> Taglio piante in golena, il Comune di Musile invita i propri cittadini

Taglio piante in golena, il Comune di Musile invita i propri cittadini

Taglio gratuito degli arbusti sul Piave, potranno beneficiarne anche i privati.
La Regione del Veneto ha in programma, infatti, una serie di interventi di diradamento e taglio della vegetazione all’interno della golena del basso corso del fiume, con l’obiettivo di migliorare la sezione fluviale e quindi le condizioni di deflusso delle portate di piena.
Tali interventi verranno effettuati a titolo gratuito anche su aree di proprietà di privati cittadini che abbiano manifestato il loro assenso tramite l’invio di una manifestazione di interesse al Comune di Musile di Piave.
Il modulo è scaricabile sul sito internet e c’è tempo fino alle 12 del prossimo 11 ottobre 2019. Al fine di fornire ulteriori chiarimenti è previsto un incontro informativo il giorno 12 settembre 2019 alle ore 20.45 presso l’Auditorium del Centro Culturale “L. Da Vinci” a San Donà di Piave, al quale parteciperanno anche i funzionari della Regione Veneto.
«E’ importante che i privati partecipino», spiega l’assessore all’ambiente Elisa Pierobon, «visto che gli interventi andranno ad asportare in particolare le piante decedute ancora presenti, sia esse a terra che in piedi ed il taglio e l’asportazione delle piante arboree fortemente inclinate e pericolanti sulla sponda verso il fiume.
Oltre questo intervento verrà eseguito un diradamento finalizzato al miglioramento delle condizioni di deflusso. Il materiale legnoso, se d’interesse, sarà lasciato a disposizione dei legittimi proprietari, accatastato e depezzato con l’unico onere di asportazione dello stesso dalla golena in tempi certi».
Le aree, le tempistiche e le modalità saranno definite dalla direzione operativa della Regione del Veneto attraverso la progettazione dei vari interventi, che si potranno sviluppare anche a lotti successivi.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*