Veneto

Suem 118 volo notturno in provincia di Belluno: attivi anche i visori notturni. Aumentano i siti

Volo notturno – fase 2. Dalla notte appena trascorsa, dopo uno specifico addestramento, i piloti degli elicotteri SUEM 118 usano i visori notturni.
Ciò consente di poter atterrare anche di notte in siti non illuminati, con un significativo aumento degli approdi utilizzabili, soprattutto in provincia di Belluno.
Il volo notturno in ulss Dolomiti è stato attivato il 29 settembre, con temporanea partenza da Treviso fino al completamento dei lavori della Base HEMS di Pieve di Cadore. Ad oggi le missioni in provincia di Belluno sono state 16.

punti verdi HLS Standard. In azzurro HLS non standard

Dopo una prima fase in cui sono stati utilizzati approdi illuminati e inseriti nei manuali di volo, da questa notte è possibile atterrare di notte anche nei siti non illuminati censiti.
I piloti, infatti, dopo uno specifico addestramento e il superamento di una quota di ore di volo dedicate, sono stati abilitati all’utilizzo dei visori notturni, tecnologia che fino a pochi anni fa era riservata all’ambito militare.

Per l’Ulss Dolomiti, questo significa poter contare complessivamente su un totale di 36 approdi, tra basi omologate, siti illuminati e siti non illuminati, con una copertura capillare del territorio, ed in particolare delle Terre Alte.
In questi mesi, il personale delle Centrali Operative del SUEM ha identificato gli approdi, ottenendo l’assenso dei gestori al loro utilizzo e predisponendo tutte le procedure per l’accesso e l’accensione delle luci .

«Il volo con i visori notturni significa maggiore sicurezza per il territorio, garantendo tempi di soccorso molto più rapidi in molte zone delicate anche di notte: penso al Comelico e all’Alto Agordino», commenta il direttore generale Maria Grazia Carraro, «il prossimo passo sarà censire altri siti. Penso, ad esempio, ai rifugi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button