Treviso

Stipendi che arrivano in ritardo/Pulizie degli uffici postali: lavoratrici verso lo sciopero

E’ stato proclamato lo stato di agitazione per tutte le lavoratrici e i lavoratori dell’appalto delle pulizie dei 200 uffici postali della provincia di Treviso.
La decisione è stata comunicata alla ditta a cui è stato affidato il servizio di pulimento, la Nuova Idea Srl, così come alla direzione generale di Poste italiane, all’Ispettorato del lavoro, alla Prefettura e al Presidente Anci Veneto dalla Fisascat Cisl e dalle rappresentanze dei lavoratori a nome delle trenta dipendenti.


La proclamazione dello sciopero è dunque sempre più vicina.
Le lavoratrici protestano per il reiterato ritardo nel pagamento delle retribuzioni, ma anche per il mancato rispetto dei contratti di lavoro part time su cui si è già pronunciato anche il Tribunale di Treviso, su ricorso presentato dall’avvocato Roberto Finocchiaro su richiesta della Fisascat, sindacato a cui le lavoratrici sono iscritte.
In passato, i ritardi avevano riguardato la corresponsione della tredicesima mensilità e il mancato rispetto del contratto nazionale dei multiservizi.


“La scadenza per il pagamento dello stipendio mensile è abbondantemente passata – spiega Claudio Cavallin della Fisascat Cisl Belluno Treviso – e si aggiunge a continue mancanze da parte dell’azienda.
Se entro due giorni i salari non verranno pagati sarà sciopero.
Chiediamo ancora una volta alla Nuova Idea il rispetto dei diritti delle dipendenti, ma anche al committente Poste Italiane di intervenire per porre fine a questo problema”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button