Home -> Spettacoli -> Stagione verso il finale al Toniolo di Mestre: L’importanza di chiamarsi Ernesto dal 4 al 7 aprile

Stagione verso il finale al Toniolo di Mestre: L’importanza di chiamarsi Ernesto dal 4 al 7 aprile

Il penultimo appuntamento con la stagione teatrale al Teatro Toniolo è con l’umorismo tagliente di critica di costume della commedia di Wilde.
L’importarsi di chiamarsi Ernesto del Teatro dell’Elfo arriva al Teatro Toniolo con quattro date da giovedì 4 a domenica 7 aprile.
L’indagine attorno alla vita e alle opere di Oscar Wilde che Ferdinando Bruni e Francesco Frongia conducono da alcuni anni li ha portati nel 2017 ad affrontare la più famosa commedia del grande autore irlandese.
Dopo Salomé, Il fantasma di Canterville e Atti osceni–I tre processi di Oscar Wilde, L’importanza di chiamarsi Ernesto ha regalato ai due registi e alla compagnia un nuovo successo.
“Questa “commedia frivola per gente seria”, col suo titolo che sfida i traduttori – che ci hanno provato con Ernesto, Franco, Onesto, Probo senza mai risultare convincenti – è l’esempio più bello di come Wilde, attraverso l’uso di un’ironia caustica e brillante, sveli la falsa coscienza di una società che mette il denaro e una rigidissima divisione in classi al centro della propria morale. Il rovesciamento paradossale del senso è l’espediente più usato dall’autore che ci appare così, a una prima lettura, come un precursore del teatro dell’assurdo, mentre in realtà è impegnato a “smontare” con sorridente ferocia i luoghi comuni su cui si fonda ogni solida società borghese.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*