Prendi nota

Spid o Crs per chiedere l’abbattimento delle rette asilo

Pordenone – Scade il 31 maggio il termine per presentare la domanda di richiesta del contributo regionale per abbattere le rette degli asili nido per l’anno educativo 2020/2021 e la documentazione deve essere presentata esclusivamente on line a partire dal 31 marzo 2020 fino al 31 maggio 2020.

Quest’anno però c’è un novità di rilievo; per la validità della domanda bisogna disporre dello Spid (Sistema pubblico di identità digitale) che permette di accedere ai servizi online della Pubblica Amministrazione e che va richiesto seguendo le istruzioni pubblicate sul sito spid.gov.it oppure della CRS (Carta regionale dei servizi) che va attivata secondo le modalità indicate sul sito della Regione FVG.

Le famiglie potranno presentare domanda per essere sostenute economicamente per usufruire del servizio nidi, per i servizi educativi domiciliari, per la frequentazione degli spazi gioco e dei centri per
bambini e genitori e per i servizi sperimentali.

I contributi sono finanziati da due istituzioni; Regione Friuli Venezia Giulia e Fondo Sociale Europeo.
Fra i requisiti richiesti la Regione dispone che almeno un genitore sia residente o lavori da almeno un anno nel suo territorio e che l’Isee non superi i 30 mila euro se il nucleo familiare è composto da un unico figlio minore oppure i 50 mila euro se composto da due o più figli minori. Inoltre se la frequenza del servizio è inferiore alle 30 ore mensili l’Isee non deve superare 10 mila euro.

Gli importi mensili del contributo sono determinati annualmente con delibera della Giunta regionale.
Anche per il Fondo Sociale Europeo almeno un genitore deve essere residente o lavorare continuativamente in Regione da almeno un anno, ma sono richiesti altri tre requisiti; l’Isee non deve superare i 20 mila euro, la frequenza al servizio educativo deve essere di almeno 30 ore mensili e i
genitori devono risultare occupati o nello stato di disoccupazione di cui all’art. 19 del D.Lgs 150/2015 che al primo dei 7 commi considera (.. disoccupati i soggetti privi di impiego che dichiarano, in forma telematica, al sistema informativo unitario delle politiche del lavoro di cui all’articolo 13, la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il centro per l’impiego).

Il contributo Fondo Sociale Europeo è di 300 euro mensili per la frequenza a tempo pieno e di 150 euro per la frequenza a tempo parziale.
Il regolamento regionale, una volta approvato, sarà pubblicato sul sito del comune all’indirizzo comune.pordenone.it/abbattimentorette assieme a tutte le informazioni utili sulla materia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button