Treviso

Sorgenti sicure/Al via lo studio per salvaguardare le fonti di Vittorio Veneto

Piave Servizi al lavoro per salvaguardare le fonti di Vittorio Veneto.
L’incarico, nelle scorse settimane, è stato affidato allo studio di geologia Nuova Agepi di San Vendemiano.
In associazione temporanea con l’Università di Padova si occuperà di realizzare uno studio sulla protezione delle preziose risorse idriche in Val Lapisina, che attualmente garantiscono circa il 65 percento dell’acqua a disposizione del territorio.

Un’indagine che comincerà sul campo nelle prossime settimane, non appena definito il documento programmatico che guiderà l’intervento.
“Non possiamo cullarci sulla qualità dell’acqua della Val Lapisina, infatti, piuttosto dobbiamo lavorare per assicurarla anche un domani – spiega il presidente di Piave Servizi, Alessandro Bonet – Definiamo questa operazione con lungimiranza, per vagliare nel dettaglio le fonti di pericolo, che un giorno potrebbero generare inquinamento sotterraneo intaccando le sorgenti”.

Gli obiettivi dello studio, per un investimento di 50 mila euro, varieranno a seconda dei punti di approvvigionamento analizzati: i pozzi e le sorgenti di fondovalle, in comunicazione diretta con il lago di Santa Croce, il lago Morto, il lago del Restello e il lago di Negrisiola, e le sorgenti montane, alimentate dalla circolazione idrica sotterranea sul Visentin e sul Cansiglio.

Per quanto riguarda i primi, lo scopo primario dello studio sarà quello di realizzare una carta del rischio di contaminazione.
Nel caso delle sorgenti montane, invece, l’obiettivo sarà di tipo conoscitivo, per individuare i meccanismi di alimentazione di ciascuna sorgente e delimitarne il potenziale bacino di afferenza.

“Lo studio ci permetterà di prendere piena consapevolezza della quantità e della qualità eccellente delle acque di falda della Val Lapisina, individuando gli interventi da eseguire per diminuire l’eventuale impatto dei centri di pericolo: sversamenti di gasolio provenienti da cisterne interrate nei centri abitati, ad esempio, oppure lo scarico di acque meteoriche non trattate in arrivo dal vicino viadotto – entra nel merito Carlo Pesce, direttore generale di Piave Servizi – Risvolti pratici conseguenti all’indagine, ad esempio, potrebbero essere lo spostamento di alcune linee di fognatura, oppure il riconoscimento di contributi a privati per la realizzazione di determinati interventi per scongiurare verosimili scenari di rischio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button