Home -> Veneto -> Soccorsi in montagna/Anche ieri nel bellunese tanti interventi
L'elicottero intervenuto sul posto stamani

Soccorsi in montagna/Anche ieri nel bellunese tanti interventi

Tanti interventi anche ieri, da parte del Soccorso alpino di Belluno.

Intorno alle 12.30 e stato chiamato a soccorrere un escursionista colto da malore in Val del Mis, all’altezza dei Cadini del Brenton.
L’uomo, P.T., 74 anni, di Trebaseleghe (PD), è stato raggiunto da una squadra che lo ha imbarellato, trasportato fino alla strada e affidato all’ambulanza.

Attorno alle 14, il Pelikan di Bolzano ha imbarcato un tecnico del Soccorso alpino di San Vito di Cadore in supporto alle operazioni ed è atterrato a Forcella Giau, dove una ragazzina di 13 anni di Roma, che si trovava con la madre, si era sentita poco bene.
Visitata dal personale medico, la giovane è stata caricata a bordo e trasportata al Codivilla per accertamenti.

Su richiesta della Centrale di Bolzano, alle 14.30 una squadra del Soccorso alpino della Val Comelico è intervenuta sopra Passo Monte Croce, sulla strada che porta a Malga Nemes, per una donna che si era sentita male.
I soccorritori si sono portati in jeep da C.D.A., di Mestre e l’hanno condotta con loro all’ambulanza.

Altra veneziana.
Il Pelikan di Bolzano è volato sul Mulaz per una escursionista che, scivolata, aveva riportato un trauma alla caviglia.
F.N., 50 anni, di Martellago, è stata trasportata all’ospedale di Agordo.

Attorno alle 19 infine, la Centrale del Suem è stata allertata da tre escursionisti, un ventenne e due minorenni di Lorenzago di Cadore che si trovavano in difficoltà.
Perso il sentiero, si erano infatti ritrovati in un bosco molto ripido sopra il torrente Cridola, in località Miandre.

Impauriti e temendo di scivolare, hanno chiesto aiuto.
Sono stati inviati sul posto l’elicottero e le squadre del Soccorso alpino del Centro Cadore a piedi.
I soccorritori sono quindi riusciti a individuarli e a raggiungerli da sopra.
Dopo averli assicurati, la squadra li ha aiutati a tornare sul sentiero a monte.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*