Venezia

Sequestrati 2,1 chili di eroina, arrestati gli artefici dello spaccio

Oltre due chilogrammi di eroina sequestrata per un valore al dettaglio superiore ai 100mila euro, due spacciatori arrestati e 20 agenti della Polizia locale entrati simultaneamente in azione.
E’ il bilancio di un’importante operazione che si è conclusa dopo tre giorni di attività investigativa.

I dettagli dell’operazione sono stati illustrati questa mattina nella sede del Comando della Polizia locale del Tronchetto alla presenza del sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, del comandante della Polizia locale, Marco Agostini.

Grazie ad alcune segnalazioni pervenute da dei cittadini l’attenzione degli operatori della Polizia locale si è concentrata su un’area abbandonata all’interno dell’area industriale di Marghera in via Banchina dei Molini, dove era stato notato un via vai di tossicodipendenti dalla vicina via Fratelli Bandiera.

La Polizia locale ha così installato delle telecamere controllate da remoto per monitorare la situazione inoltre alcuni agenti si sono quindi appostati sui tetti della fabbrica abbandonata con teleobiettivi e telecamere ad alta risoluzione.

Nei mirini dei teleobiettivi sono finiti due spacciatori pluripregiudicati e cinque tossicodipendenti.

Scattata irruzione anche con le unità cinofile, i cani antidroga hanno rinvenuto in un’area verde, 2,1 chili di eroina, sufficiente per confezionare circa 7mila dosi singole da 0,3 grammi.

All’interno delle baracche è stata inoltre rinvenuta ulteriore eroina un bilancino 820 euro in contanti.

I due spacciatori, di cittadinanza tunisina, di 37 e 34 anni, sono stati arrestati e portati in carcere.
All’interno delle capanne sono stati trovati anche cinque tossidipendenti, quattro ragazze e un cinquantenne.
Una delle giovani, che nascondeva nel reggiseno una considerevole dose di eroina e 36 pastiglie di benzodiazepine, è stata indagata in stato di libertà.

Soddisfazione è stata espressa dal Comandante della Polizia locale, Marco Agostini, che ha definito l’operazione straordinaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button