Prendi nota

Scuola/Il filosofo Galimberti chieda scusa ai docenti d’Italia

Il Sindacato Nazionale Orizzonte Docenti (SINOD) replica ad alcune dichiarazioni rese dal filosofo Umberto Galimberti il quale, ospite a ‘In Onda’ su La7, ha attaccato la categoria dei professori sostenendo che “è un problema reale. Mica tutti i professori – ha detto Galimberti – hanno la vocazione all’insegnamento e sono innamorati della scuola. Molti professori sono innamorati dello stipendio e del posto di lavoro. E allora in questa condizione è ovvio che se c’è una buona scusa per non andare a scuola, la si usa… E questo è proprio un inconveniente di aver considerato sempre la scuola, non tanto luogo di educazione dei nostri giovani, quanto piuttosto un luogo di occupazione per i professori. Questo è il grande errore iniziale… L’occupazione dei professori viene prima della capacità dei professori di educare i ragazzi. È questo il problema”.


A replicare e commentare criticamente le dichiarazioni del filosofo Galimberti è il presidente nazionale del SINOD, Antonino Ballarino, sostenendo che «in questi due anni i docenti hanno reinventato una nuova cultura della didattica.
E oggi se c’è la DaD è perchè i docenti, sovente senza mezzi o con mezzi propri, sono stati vicini agli alunni.
Perché sono proprio i docenti che con la DaD lavorano tutta la giornata, prima per preparare la lezione a distanza e dopo per fare lezione agli alunni.


Il problema vero – sottolinea il presidente del Sindacato Nazionale Orizzonte Docenti, Antonino Ballarino – è che oggi parlano di scuola… chi di scuola non sa.
L’invito che facciamo dal SINOD al professore Galimberti è quello di chiedere scusa a tutti docenti d’Italia per aver sostenuto che i docenti “in molti sono innamorati solo dello stipendio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button