Friuli Venezia Giulia

Scuola/Dal leghista Ghersinich la richiesta di tornare al grembiule obbligatorio

Trieste – “Reintrodurre i grembiuli nelle scuole primarie, come segno di uniformità e come strumento per contrastare il contagio da Covid-19”.
Questo, in sintesi, l’oggetto del voto alle Camere e al Governo della Repubblica presentato dal consigliere regionale Giuseppe Ghersinich (Lega).

“A partire dall’anno scolastico 2019/2020, le scuole dell’infanzia del Comune di Trieste – fa sapere l’esponente della Lega – hanno adottato nuovamente il grembiulino per i bambini, L’obbiettivo del mio voto alle Camere è che questo venga fatto anche per le scuole primarie (ex elementari) su tutto il territorio nazionale”.

“E’ opinione di molti che i bambini sono divenuti, negli ultimi decenni, vittime inconsapevoli del consumismo e dello sfoggio di marchi che ha coinvolto tutta la nostra società, la conseguenza spesso è l’isolamento di coloro che, per scelta o per necessità dei genitori, non indossano alcun capo firmato.
L’uso del grembiule, inoltre – prosegue Ghersinich – può rappresentare un deterrente per i tanti episodi di bullismo causati dalle diseguaglianze sociali di cui spesso si ha notizia”.

“L’Osservatorio nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza Paidòss ha recentemente rilevato che indossare il grembiule a scuola può inoltre essere un ottimo scudo contro il contagio da Covid-19.
Secondo un’indagine che ha coinvolto oltre mille pediatri di tutto il Paese, è risultato che si tratta di un utile presidio igienico, un’ottima protezione per i bambini, non solo per evitare danni agli abiti ma anche per la loro salute”.

“Credo fermamente che a tutti vadano date le stesse opportunità, a maggior ragione – rimarca il consigliere – nelle aule scolastiche i bambini sono tutti uguali e non devono essere discriminati per come sono vestiti.
Il mio auspicio è che la Giunta regionale si faccia interprete presso il Governo affinché le scuole primarie introducano l’obbligatorietà dei grembiuli”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button