Venezia

Scorzè/Al via domani Interesse (non) Comune

Eccellenze, cultura, tradizioni, ma anche passione, solidarietà e rispetto del territorio.
Saranno questi gli elementi da cui prenderà il via l’affascinante racconto di Scorzè, delle sue frazioni e delle sue manifestazioni più rappresentative.
Tre giornate dal titolo “Interesse (Non) Comune” che, dal 9 all’11 ottobre presso il teatro Elios-Aldò, vedranno la Pro Loco di Scorzè, insieme all’amministrazione comunale e ai gruppi frazionali, dare vita ad una serie di incontri dedicati allo stare insieme, ai valori della comunità e alla condivisione.

Un messaggio di positività per mettere in luce tutte le potenzialità di un territorio unico al mondo.
Si comincerà domani, venerdì 9 ottobre alle 19.45, con la presentazione del libro “Le 4 ricette De.CO.” che avrà come ospite d’onore l’autore Giampiero Rorato. Una pubblicazione nata dalla volontà della Pro Loco di Scorzè di valorizzare cultura e tradizioni del luogo, partendo dal grande patrimonio di prodotti locali e piatti tipici di queste terre.

Protagonisti de “Le 4 ricette De.CO.” i prodotti simbolo di Scorzè: gli asparagi, i piselli, i pomodori e il radicchio, eccellenze che hanno trovato a Gardigiano, Peseggia, Cappella e Rio San Martino terreni particolarmente vocati. “Quelli presentati in questo volumetto – spiega Lorenzo Michielan, presidente della pro Loco di Scorzè – sono fra i piatti più importanti e caratteristici della nostra tradizione, elaborati da sempre nelle nostre case e meritevoli d’essere conservati e trasmessi alle future generazioni. Come Pro Loco ci auguriamo che questi nostri quattro piatti DE.CO. regalino, a chi li consuma, non solo la gioia del palato ma anche una migliore conoscenza della nostra cultura, delle nostre ricche tradizioni e della civiltà del nostro territorio”.

A seguire, la frazione di Gardigiano e quella di Peseggia racconteranno al pubblico le loro manifestazioni più rappresentative: la Festa dell’asparago e della fragola e la Festa dei Bisi. Due eventi nati dall’instancabile volontà dei volontari che, sul palco del teatro Elios-Aldò, sveleranno curiosità e aneddoti delle due feste. Un racconto fatto di esperienze, passioni, imprevisti e ricordi accumulati in tanti anni di attività.
Concluderà la serata alle ore 21.00 lo spettacolo teatrale “Bricola e Regina. Quattro ciacole in panchina”.
L’accesso agli eventi sarà consentito solo previa prenotazione a info@prolocoscorze.it, nel rispetto delle normative vigenti.

GARDIGIANO: Festa dell’Asparago e della Fragola
La festa dell’Asparago e della Fragola è la manifestazione che si tiene da decenni a Gardigiano di Scorzè ed è esempio concreto di come amicizia, fede e passione per il territorio possono creare grandi eventi. Era, infatti, il 1975 quando una decina di ragazzi iniziarono a ragionare su una nuova manifestazione da realizzare in primavera. Fondamentale era legare questa nuova sagra ad un prodotto particolare, magari diverso dai soliti coltivati in zona: parlandone con don Pietro Nandi, parroco di Gardigiano, si decise di scegliere la fragola, una delle coltivazioni locali di qualità. Nel 1995 un altro grande salto, l’adesione alla Pro Loco di Scorzè. Da questo momento la Festa della Fragola diventò la festa dell’Asparago e della Fragola dando visibilità ad un altro ortaggio molto diffuso nel territorio di Scorzè.
Ed è così che a Gardigiano il mese di maggio è divenuto sinonimo di festa, grazie ad una manifestazione che non si è mai scordata del territorio, supportando, anno dopo anno, le scuole di Gardigiano e Peseggia, le adozioni a distanza, le famiglie bisognose, senza tralasciare il contributo dato per il restauro del campanile, del piazzale davanti alla Chiesa e la creazione delle nuove cucine, ultimissima sfida vinta da questo incredibile gruppo che 44 anni fa ha regalato a Gardigiano nuova vita.

PESEGGIA: Festa dei Bisi
Fin dagli anni ’30 questa festa ha animato la frazione di Peseggia valorizzando l’ortaggio per eccellenza, il germoglio di primavera di questa terra: il “Biso”. Un prodotto che riscuote grande apprezzamento proprio per le sue caratteristiche organolettiche dettate da una crescita su terreno adeguato ed una dolcezza unica ed inconfondibile. La Festa negli anni si è consolidata ed ha celebrato le sue nozze d’oro nel 2019.
Visto il prestigioso prodotto orticolo, la Pro Loco si è prodigata perché ottenesse la De.Co. – denominazione comunale – che pur non essendo un marchio di qualità europeo, garantisce la storicità e la cultura dei bisicoltori locali. Ed anche il piatto principe della festa, quel “Risi e Bisi” riconosciuto come ricetta originale tipica dall’Accademia della Cucina, nel cinquantesimo anniversario della festa è stata inserita nell’Albo Regionale De.Co. Veneto.
Un connubio, quello tra cucina e mostra ortofrutticola, che anche nel 2021 saprà scrivere un nuovo capitolo della storia di questa celebre rassegna, grazie al fondamentale impegno dei tanti volontari e ad una “riscoperta socialità” dettata dalle nuove regole imposte dall’emergenza sanitaria.

Una situazione che, se da un lato ha duramente colpito l’intera società, dall’altro ha riportato l’attenzione sull’importanza della condivisione e della comunità, valori fondanti del mondo Pro Loco, come ben dimostrato da Scorzè e dalle sue manifestazioni locali, che non si fermano ma reagiscono all’insegna del territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button