Treviso

Scoperta dalla Polstrada di Treviso la truffa delle auto di lusso

Scoperta dalla Polizia Stradale di Treviso una frode milionaria dell’Iva nel settore delle auto di lusso.
Ieri mattina, gli agenti hanno posto fine all’attività di una organizzazione criminale guidata da un veneziano residente nella Marca, C.M., figura nota nel settore del commercio di auto.
Al suo fianco alla guida della banda vi era anche una donna, C.E., di origini rumene ma da anni residente in Italia.

56 anni lui, 43 lei, avrebbero usato diu concessionarie trevigiane e una fitta rete di collaboratori (gli indagati sono in tutto 12), per acquistare in Germania una 60ina di auto di lusso (Mercedes, Porsche, Bmw, Audi, Alfa Romeo) per un totale di circa due milioni di euro.

Grazie alla complicità di due Agenzie di pratiche auto, una trevigiana, l’altra di Palermo, i due immatricolavano i veicoli in Italia usando false fatture e false autocertificazioni.
Le auto risultavano acquisti di singoli privati e le pratiche sono state presentate alle Motorizzazioni Civili di Treviso, Palermo, Catanzaro e Roma.

Evitando di far figurare l’importazione reale, i due non versavano l’Iva dovuta che però non spariva, anzi, raddoppiava: la mettevano in conto comunque all’acquirente, ottenendone un doppio guadagno.

L’acquirente risparmiava comunque, per il costo in genere inferiore a quello italiano e un regime fiscale favorevole per le auto aziendali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button