Pordenone

Scontro Lega – Pd su Sacile e la ciclovia del Livenza

“Ho ricevuto numerosi solleciti da parte di amministratori locali affinché contribuissi a dare impulso al progetto della ciclovia Livenza, opera strategica per il territorio e non solo per il turismo, aiutando così a risolvere l’annosa vicenda”.

A sottolinearlo in una nota è Stefano Turchet, consigliere regionale della Lega che stamani, con una nota, risponde polemicamente alle accuse di ritardi mosse dal consigliere Pd Nicola Conficoni.

“Debbo ricordare che il percorso, solo per il lotto in questione, interessa il territorio di quattro Comuni – fa presente l’esponente di Centrodestra – ed è dunque abbastanza comprensibile che trovare gli accordi con tutte le proprietà interessate, inserendo poi nei Piani regolatori il tracciato della pista ciclabile attraverso variante, non deve essere stata cosa semplice”.

“Da quanto ho letto in una relazione pervenutami dal progettista

  • così ancora Turchet – diverse sono state le modifiche richieste dalle amministrazioni locali tra il 2003 e il 2009. L’ultimo aggiornamento, con nuovo preventivo di spesa, è di novembre 2011.

Dopo tante richieste di modifiche, difficilmente addebitabili alla ex Provincia di Pordenone come affermato da un esponente Pd, si è dovuto aggiornare il Piano particellare di esproprio. Ma, mentre Fontanafredda e Polcenigo avevano previsto gli espropri e li hanno mantenuti nei vincoli dei loro Piani regolatori, il Comune di Sacile li ha visti scadere”.

“Ricordo agli attuali amministratori di Sacile, e al consigliere regionale del Pd, Nicola Conficoni, che la Provincia di Pordenone è stata eliminata, prima in Italia, nel 2014 e che la Regione Friuli Venezia Giulia – prosegue il consigliere – dal 2016 ha assunto la competenza in materia. Per due anni, durante la Giunta Serracchiani, come si può evincere dalla documentazione in possesso degli uffici, la pratica è rimasta insabbiata”.

“Nel dare seguito alle richieste pervenutemi e per dare una svolta decisiva alla realizzazione dell’opera stessa – aggiunge Turchet – ho interessato del caso non solo l’assessore regionale al territorio, Graziano Pizzimenti, ma anche i vertici e i funzionari di Fvg Strade e il progettista, Giuseppe Garbin”.

“A questo punto – conclude l’esponente leghista – credo ci sia poco da aggiungere circa il ritardo accumulato dall’opera denominata ciclovia del Livenza, a meno che non si vogliano contestare quanto riporta la documentazione e la veridicità delle date”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button