Home -> Treviso -> Scene da film/Per sfuggire ai poliziotti si buttano nel canale (ma non serve)
Gli attrezzi sequestrati al truffatore

Scene da film/Per sfuggire ai poliziotti si buttano nel canale (ma non serve)

Tutto è nato da una delle solite truffe a danno di anziani.
Ieri mattina, alle 11.30, in zona Fiera, una 90enne ha raccontato ai poliziotti che poco prima aveva bussato alla sua porta un ragazzo qualificatosi come operatore della società del Gas, chiedendo di poter visionare il relativo contatore.

In un primo tempo la signora lo ha assecondato, ma quando ha iniziato a spostarsi, senza permesso, nelle altre stanze della casa, ha capito che c’era qualcosa che non andava e lo ha allontanato.
Per sua fortuna, il complice del truffatore aveva lanciato l’allarme per un vicino della donna che forse aveva annusato qualcosa e si stava facendo avanti.

Grazie alle descrizioni fornite dalla donna e dai vicini, i poliziotti sono poi riusciti ad intercettare lo scooter usato dai due per la fuga.
Rintracciati nella zona di via Montello, ne è nato un rocambolesco inseguimento a piedi durante il quale i malviventi hanno scagliato di tutto contro gli agenti: i propri caschi, pietre e addirittura un cartello stradale che nella fuga avevano divelto.

Per far perdere le proprie tracce, infine, si sono buttati in un canale.
Uno dei poliziotti non ha esitato a tuffarsi a sua volta, riuscendo a bloccare uno dei due.

Portato in Questura, è stato identificato come O.R. del ’94, nato a Torino, con numerosi precedenti e complice nel tentativo di furto.

E’ stato arrestato per tentato furto, resistenza e lesioni ai poliziotti.
Sono stati trovati in suo possesso numerosi attrezzi atti allo scasso, sottoposti a sequestro.
Ora si cerca il secondo truffatore.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*