Treviso

Savno contro l’inflazione: tariffe contenute per aiutare i cittadini

I prezzi aumentano, ma le tariffe di Savno rimangono praticamente invariate.
“Merito della grande attenzione che riserviamo allo sviluppo sostenibile del nostro servizio”, sottolinea il presidente di Savno, Giacomo De Luca.

Nel periodo in cui le stime preliminari dell’Istat registrano un aumento dell’inflazione che raggiunge l’8%, livello mai così alto dal gennaio 1986, le bollette di Savno rimangono contenute, aumentate meno dell’1,6% in occasione dell’assemblea dei Comuni soci delle scorse settimane, contro un’impennata dell’aliquota che avrebbe potuto superare addirittura il 6%.

Un risultato che premia l’impegno virtuoso dell’azienda capace di crescere insieme al territorio, ma soprattutto di farsi trovare pronta di fronte al cambiamento.
“Siamo orgogliosi della resilienza dimostrata dalla nostra azienda, soprattutto considerati i servizi offerti, lo standard di raccolta differenziata garantito, intorno all’88%, e gli aiuti economici che continuiamo ad assicurare alle famiglie in difficoltà, commenta De Luca.
Si pensi anche ai particolari servizi che riserviamo alla cittadinanza, come ad esempio la raccolta del verde e delle ramaglie, del materiale ingombrante o dei pannolini a domicilio, o gli importanti investimenti a favore del territorio, per potenziare e ammodernare i centri di raccolta, gli eco-mezzi e le infrastrutture in generale”.

Nonostante l’esplosione dei prezzi legati al carburante, risorsa fondamentale per il lavoro quotidiano dell’operatore, infatti, gli impatti per la comunità rimangono intangibili.
“Questo risultato è figlio delle politiche lungimiranti che abbiamo adottato negli ultimi anni, in particolare con la conversione a metano del nostro parco automezzi – osserva il presidente di Savno – Questa soluzione ci permette di produrre, con i soci, il gas necessario a partire dalla lavorazione del rifiuto umido, sfruttando i nostri impianti a biomassa”.

Una transizione importante per l’azienda, che nel giro di pochi anni mostra già i primi frutti. “Solamente nell’ultimo anno, la nostra società ha risparmiato circa 200 mila euro utilizzando il biometano per alimentare i propri mezzi, una somma importante che tra le varie iniziative ha contribuito a contenere le tariffe – sottolinea De Luca –
Gli effetti positivi di questa iniziativa non si esauriscono all’aspetto economico, ma si riflettono anche sull’ambiente. A partire dal 2018, infatti, il risparmio in emissioni di CO2 dei nostri 60 nuovi veicoli ecologici ammonta 1.245.685,41 chili, a beneficio anche del benessere delle persone.
A questo si somma il basso impatto ambientale di buona parte dei mezzi dei nostri soci operativi, anch’essi alimentati a biometano”.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button