Venezia

Sanzionati 16 cittadini cinesi sorpresi a raccogliere capelonghe e vongole in laguna

Agenti della Polizia Metropolitana hanno portato a termine un’operazione contro la pesca abusiva di cannolicchi e vongole nell’area della zona Sud della Laguna tra i Comuni di Venezia e di Mira.

A venire sanzionati per aver raccolto quantità superiori e aver utilizzato circa 2 quintali di sale da cucina sono stati 16 cittadini cinesi residenti nella zona.
Trenta complessivamente i pescatori controllati che si erano recati in Laguna con regolare licenza per raccogliere a mano il prodotto.

La raccolta dei cannolicchi (capelonghe) e delle vongole è ammessa purchè in possesso di licenza di pesca, nella quantità massima di 2 Kg per persona utilizzando al massimo di 1 Kg. di sale a testa.

I cinesi sorpresi dagli agenti della Polizia metropolitana, erano già stati controllati e sanzionati anche 10 mesi fa sempre nella stessa situazione.

Il problema maggiore riscontrato dagli agenti è stato l’utilizzo in quantità eccessiva di sale per facilitare la raccolta a mano dei cannolicchi (le cosiddette “capelonghe”) ma che, se usato in quantità massicce come in questa occasione, provoca una alterazione salina deleteria ai delicati ambienti lagunari.

Le sanzioni elevate dalla Polizia metropolitana ammontano complessivamente a 1866,72 euro (116,67 euro per ciascuno dei 16 cittadini cinesi multati).
Il prodotto pescato fino a quel momento è stato rigettato in mare.

Le indagini da parte degli agenti metropolitani continuano per capire quale fosse la destinazione finale dei molluschi e dei cannolicchi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button