Home -> Pordenone -> Sanità pordenonese/Al nuovo ospedale serve una seconda Risonanza Magnetica

Sanità pordenonese/Al nuovo ospedale serve una seconda Risonanza Magnetica

Trieste – “Il nuovo ospedale di Pordenone deve essere messo nelle condizioni di operare al meglio, offrendo un servizio più adeguato ai cittadini. Per questo, oltre all’indispensabile e atteso aumento degli organici carenti, è fondamentale che la Regione doti la struttura di una seconda risonanza magnetica. Questi necessari interventi contribuiscono a limitare il gap con i nosocomi di Udine e Trieste e rafforzare la sanità del Friuli Occidentale”.

Lo afferma Nicola Conficoni, consigliere regionale del Pd che in una nota illustra l’interrogazione con cui chiede alla Giunta regionale di “chiarire se il nuovo ospedale di Pordenone avrà o meno in dotazione una seconda risonanza magnetica”.

“Mentre a Trieste e Udine sono presenti più apparecchiature, al Santa Maria degli Angeli è attualmente in funzione un solo macchinario per l’esecuzione dei test, con la conseguenza che l’eventuale malfunzionamento, purtroppo già verificatosi nel recente passato – ricorda Conficoni -, provoca dei disservizi agli utenti, in particolare se pazienti ricoverati nella struttura”.

“La Regione – aggiunge il dem – ha stanziato ulteriori 49 milioni per attrezzare la nuova struttura, dove è stato previsto uno spazio idoneo all’installazione di due risonanze magnetiche. Ora è dunque arrivato il momento di capire se c’è la volontà di procedere in questa direzione, anche se temiamo i tempi si possano allungare vista la prematura partenza del responsabile unico del procedimento per la costruzione dell’ospedale”.

Infine, ricorda Conficoni, che “accanto ai muri e alla tecnologia, comunque non va dimenticato il ruolo assolutamente centrale e imprescindibile che hanno le persone, essenziali per qualificare il servizio. Perciò attendiamo di conoscere la consistenza della pianta organica, per capire se si stanno facendo passi avanti verso il superamento della carenza di personale lamentata dagli operatori”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*