Venezia

San Michele al T./Il sindaco contro chi ara le sponde dei fossi

“Arare anche le sponde dei fossi: nuova pratica agraria?”.
L’interrogativo ironico è del sindaco di San Michele al Tagliamento.

Allo stesso tempo, il primo cittadino è irritato tanto che ha inoltrato al Comandante della Polizia Locale una direttiva dove viene chiesto di disporre servizi mirati e porre in atto ogni azione tesa a far fronte a simili situazioni.

Il primo cittadino precisa: “In momenti storici come questi dove lo scolo delle acque deve essere una priorità per limitare al massimo gli allagamenti sempre più frequenti non è più tollerabile vedere tali scenari ed è per questo che ho emesso tale atto di indirizzo a William Cremasco, comandante della Polizia Locale.

Ho inoltre convocato il Consorzio di Bonifica per un approfondimento sulla questione e per decidere insieme il da farsi”.

Codognotto ha quindi concluso: “Pensare che solo cento anni fa gli agricoltori, pur di prosciugare i loro campi e renderli coltivabili, avevano costruito fossi e canali a mano con pale e carriole e adesso con mezzi meccanici potenti e quasi robotici li stanno chiudendo in fregio ad ogni elementare buon senso crea prima sconforto e poi fa arrabbiare. Non tollerero’ ancora tale infausta “pratica”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button