Venezia

San Donà/Sbatte l’auto e si arrabbia con i carabinieri: 30enne condannato a lavori socialmente utili

San Donà di Piave – Curioso episodio, quello che sabato sera scorso intorno alle 21 ha visto protagonista un 30enne operaio albanese e pregiudicato.
Mentre procedeva lungo Via Argine San Marco, verso Caposile, all’altezza di Via Noventa ha perso il controllo della sua utilitaria finendo addosso al guard rail.
Un bel botto: l’auto non era più in grado di ripartire e alcuni passanti, visto l’accaduto, hanno avvisato i carabinieri.

Colto di sorpresa dal loro arrivo, il 30enne è andato su tutte le furie, gridando che non c’era bisogno della loro presenza e che aveva già chiamato il carro attrezzi, condendo il tutto con minacce di morte.
Subito dopo, evidentemente preda dell’alcol, ha perso del tutto il controllo e si è scagliato contro uno dei militari cercando di sferrargli un pugno che per fortuna ha solo sfiorato il Carabiniere.
L’altra persona che era in auto con lui, un ventenne, non ha invece mosso un dito e se n’è stato tranquillo.
Bloccato e condotto all’Ospedale, il 30enne ha anche rifiutato ogni accertamento sul suo stato alcolico.
E’ stato arrestato e posto ai domiciliari in attesa del processo per direttissima svoltosi stamani e al termine del quale si è visto convalidato l’arresto e condannato a 10 mesi di reclusione, pena sospesa: dovrà però impegnarsi in lavori di pubblica utilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button