Venezia

San Donà/In Comune dipendenti maschi attenti alla famiglia e più donne con ruoli di responsabilità

L’amministrazione comunale di San Donà di Piave ha avviato il percorso per ottenere la certificazione di Family Audit che sarà rilasciata dalla Provincia Autonoma di Trento.

Il Family Audit è rivolto ad aziende pubbliche e private di qualsiasi dimensione.
Vuole favorire la conciliazione famiglia-lavoro e aumentare il benessere organizzativo.

Saranno gli stessi dipendenti a proporre alla Giunta le azioni da introdurre per raggiungere tali obiettivi.

La Provincia di Trento ha confrontato i dati dell’Ente sandonatese con quelli dei comuni e di tutti gli altri enti e aziende già certificati.

I risultati sono stati presentati ai dipendenti e hanno fatto emergere alcuni aspetti molto interessanti e positivi:

  1. I dipendenti maschi che beneficiano o hanno beneficiato dei congedi parentali sono quasi 5 volte di più rispetto alla media di riferimento per le stesse organizzazioni (29% contro una media del 6%)
  2. la quota di part time (11%) è nettamente inferiore alla media delle altre organizzazioni analoghe analizzate (24%);
  3. è elevata la presenza di donne in ruoli di responsabilità (23% contro il 6% di media), e rimane alta anche prendendo in esame le sole donne con carichi familiari (figli o familiari a carico)

“Il bello del percorso di Family Audit è proprio la sua fondamentale concretezza: si dovranno individuare obiettivi concreti da raggiungere entro 3 anni.
Siamo convinti che un’organizzazione dove si lavora bene debba essere un’organizzazione che dialoga costantemente con i dipendenti per capire i problemi e cercare soluzioni, soprattutto per la conciliazione famiglia-lavoro.
E a San Donà partiamo in grande vantaggio vista la rilevante sensibilità del personale maschile nel contribuire alla cura della famiglia.
Non è affatto scontato e non è così diffuso nei comuni, come dimostrano i dati.” Così la Vicesindaca Silvia Lasfanti.

“Sono orgoglioso di una struttura dove le pari opportunità non sono solo belle parole ma fatti concreti, vita vissuta. Gli uomini che lavorano in comune sono di esempio per tutti: seguire la famiglia e i figli non è solo “roba da donne” e lo dimostrano con i fatti.
Con questo percorso il nostro Comune potrà diventare anche fucina di buone pratiche e stimolo al territorio, sul modello di quanto già è successo proprio nella Provincia Autonoma di Trento – aggiunge il Sindaco Andrea Cereser – i temi della conciliazione sono al centro del nostro programma di mandato. Spero che molte aziende e altri comuni attivino questo importante percorso. Ne beneficerà tutto il territorio.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button