Home -> Venezia -> San Donà/Il Comune spiega la Tarip
foto: archivio

San Donà/Il Comune spiega la Tarip

L’amministrazione comunale di San Donà di Piave ha diffuso quest’oggi una nota con la quale intende far chiarezza slla Tarip, la tassa sui rifiuti a “tariffazione puntuale”.
Il sistema si basa sulla misurazione degli svuotamenti del rifiuto secco non riciclabile.

Per quanto riguarda le utenze domestiche, la tariffa è definita dal numero di componenti del nucleo familiare e i fattori considerati sono: i metri quadrati dell’abitazione, una quota parte per la raccolta di carta, plastica e vetro, e una tariffa variabile in funzione degli svuotamenti di secco non riciclabile.
Gli svuotamenti minimi per tutte le famiglie sono stabiliti in 4 all’anno più il numero di componenti del nucleo familiare (ad esempio una famiglia di due persone avrà sei svuotamenti l’anno, una di cinque persone nove).

Questi svuotamenti minimi verranno conteggiati nell’importo, anche qualora non venissero raggiunti.
Ad essi si aggiungeranno, nel caso, gli eventuali svuotamenti ulteriori, ciascuno per un costo di 5,83 euro/ svuotamento + Iva al 10%.

La bolletta riporta gli svuotamenti minimi previsti per il periodo considerato, e non quelli effettivamente fatti; solo in caso di sforamenti rispetto ai minimi, si andrà a conguaglio.

“Il numero di svuotamenti minimi individuato tiene conto di una serie di situazioni familiari estremamente diversificate, rispetto a cui deve necessariamente fare una media – spiega Daniele Terzariol, assessore a Bilancio e Tributi – sicuramente ci sono nuclei familiari che vedranno un certo risparmio e altri per i quali la spesa rimarrà pressoché invariata.

Non escludiamo future iniziative per premiare i comportamenti virtuosi, questo è l’anno di introduzione di questo sistema e servirà per migliorare in futuro.
Ricordiamo alle imprese e ai privati commerciali che, per loro, la tariffa è misurata su 15 svuotamenti all’anno; pertanto un contenitore troppo grande potrebbe essere anti-economico.
Invito quindi queste tipologie di utenza a tarare le loro esigenze e a fare richiesta a Veritas di un contenitore di capienza adeguata”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*