Home -> Venezia -> San Donà/Domenica l’ex Parco Zucchi diventa il Parco dei diritti dei bambini

San Donà/Domenica l’ex Parco Zucchi diventa il Parco dei diritti dei bambini

Accogliendo la proposta dal tavolo regionale “Un welfare per i bambini”, sostenuta da Anci Veneto, l’amministrazione comunale di San Donà di Piave ha deciso di intitolare l’area dell’ex Parco Zucchi come “Parco dei Diritti delle Bambine e dei Bambini”.

“Una decisione maturata attraverso un percorso che ha portato questa Giunta ad adottare sia la Carta dei Diritti del Bambino sia la più recente Carta dei Diritti della Bambina , anche attraverso la collaborazione con FIDAPA (Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari) – spiega la vicesindaca Silvia Lasfanti.

“L’intitolazione del parco inaugura la prima edizione della Settimana della Sostenibilità a San Donà di Piave – racconta Lorena Marin, Assessore a Energia e Ambiente – non è un caso che, unitamente all’inaugurazione, verranno intestate due targhe per tre querce. Due sono state donate dal Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze, mentre la terza è iniziativa di un privato, Dante Mirco, in omaggio al lavoro di Greta Thunberg, la giovane attivista svedese per il clima. Questa Amministrazione è sensibile ai temi dell’ambiente proprio perché è attenta al futuro, che sono i giovani: per questo diamo volentieri spazio alle loro proposte e ai loro diritti”.

Il lavoro con il Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze è stato coordinato dal Presidente del Consiglio Comunale Francesco Rizzante, che spiega: “Nel nostro piccolo, con l’istituzione del Consiglio Comunale dei Ragazzi e delle Ragazze abbiamo guadagnato in proposte, idee e sensibilità verso il futuro; la giornata di domenica rappresenta bene il contributo che i nostri giovani possono dare alla collettività”.

Chiude il Sindaco Andrea Cereser: “Sull’ambiente tutti devono fare la propria parte, e ultimamente, in tutto il mondo, sono proprio i cittadini più giovani, come Greta, a fare da stimolo e a indicarci la strada da percorrere”.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*