Friuli Venezia Giulia

Salute/In FVg lo screening per la diagnosi precoce del tumore alla mammella sarà proposto già dai 45 anni

Il Programma regionale di screening per la diagnosi precoce del tumore alla mammella sarà esteso in Friuli Venezia Giulia alle donne di età compresa tra i 45 e i 49 anni.
Lo ha disposto la Giunta regionale su proposta del vicegovernatore con delega alla Salute Riccardo Riccardi.

“Si tratta di un passaggio fondamentale – ha rilevato Riccardi – nell’ottica della prevenzione e di un monitoraggio che permetta di diagnosticare precocemente eventuali neoplasie con ottime aspettative di cura. Con questo provvedimento il Friuli Venezia Giulia si allinea alle posizioni più avanzate nelle politiche di tutela della salute della donna”.

Lo screening regionale per le donne con meno di cinquant’anni scatterà a partire dal 2021. Finora il Programma prevedeva l’inclusione delle donne tra i 50 e i 69 anni, esteso a 74 anni alle donne già aderenti.
L’invito a effettuare lo screening sarà quindi inviato anche alle donne dai 45 anni compiuti con cadenza biennale, quindi a 45, 47 e 49 anni.
Il costo dell’estensione del Programma è stimato in un milione di euro per il primo anno.

“La seconda ondata della fase pandemica – ha osservato il vicegovernatore – non ferma la pianificazione di quelle attività di prevenzione, come appunto lo screening per la diagnosi precoce del cancro della mammella, che sono essenziali per la qualità di vita della popolazione e non interromperà la programmazione di servizi per la salute sempre più adeguati con cui la nostra regione si mantiene strutturalmente a livelli di eccellenza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button