Pordenone

Sacile/L’Ospedale cittadino vicino a diventare struttura per malati Covid

Ieri a Pordenone, il vicegovernatore con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, ha incontrato i sindaci del Sacilese e i vertici dell’Azienda sanitaria del Friuli Occidentale (Asfo).
All’ordine del giorno, l’eventuale destinazione della Rsa di Sacile a struttura per malati Covid a media intensità.

Come ha spiegato Riccardi, l’Azienda si trova davanti a una relazione tecnica che, esaminando determinati requisiti logistici e funzionali, tra le Rsa presenti sul territorio ha individuato quella di Sacile come la più idonea a ospitare persone positive al coronavirus, asintomatiche o paucisintomatiche (con sintomi deboli), che non possono essere curate a domicilio o in altre strutture.

“Certe preoccupazioni da parte del territorio sono legittime – ha osservato Riccardi, ma va ribadito che siamo in presenza di un documento del Dipartimento di prevenzione che da un punto di vista amministrativo e della responsabilità non può essere ignorato”.

L’attivazione di questa soluzione, come ha affermato il vicegovernatore, “nella temporaneità dell’emergenza” deve essere parallela a un progetto che dia continuità ai servizi attualmente offerti dalla Rsa di Sacile e, in prospettiva, alla redazione da parte dell’Asfo di un piano per il ritorno alla normalità che punti alla valorizzazione del ruolo del presidio ospedaliero sacilese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button