Curiosità

Sacile/La casa delle luci che illumina il Natale

Si tratta senza dubbio di una tradizione tutta americana, ma, guarda caso, a Sacile ne allestiscono una versione tutta italiana due donne: la signora Emilia e, come Elfo aiutante, la figlia Susan.

Parliamo della ormai nota (ma non abbastanza) casa super illuminata che si trova a Cornadella, sulla stradina a lato della Statale 13, praticamente di fronte al Più Sport.

Una elegante villetta che sotto le Feste si veste di luce, illuminata con grazia e buon gusto, caratteristiche che non sempre abbiamo ritrovato in altre abitazioni addobbate in maniera abbondante, ma senza altrettanta armonia.

I sacilesi la conoscono bene e ci fanno un passaggio davanti volentieri ad ogni Natale da 15 anni a questa parte.

La famiglia Kovarik ha del resto saltato un solo appuntamento, 4 anni fa, per cause di forza maggiore.

E non crediate si tratti di un’impresa semplice.

L’allestimento è piuttosto lungo e complesso ed inizia già ad ottobre, così come la casa illuminata è cresciuta, si è arricchita nel tempo, anche con l’abilità di inserire elementi nuovi senza rovinare gli equilibri esistenti.

La grazia femminile si vede tutta ed è probabilmente il plus che manca in altre imprese simili, ma non crediate che la parte maschile della famiglia (il marito della signora Emilia) non abbia un suo peso.

Come ricorda scherzosamente, anche il suo è un compito non irrilevante, anzi: paga la bolletta della corrente (chissà l’importo, dopo le feste!!) e dunque garantisce …il servizio.

In più, essendo di origini americane, abbiamo il sospetto che possa essere stato proprio Steve a “importare” a casa questa usanza così “iuessei”.

Piccolo grande cruccio, in un’annata infelice come questa contraddistinta dal Covid, questa volta non hanno potuto organizzare la tradizionale festa di San Nicolò.

Si fa da loro anche quella, con tanto di casetta innevata. 

Di solito arrivano una cinquantina di bambini che ricevano da San Nicolò il regalo organizzato dai genitori.

Non mancano mai rinfresco e vin brûlé per tutti. 

Forse non tutti i sacilesi lo sanno, e varrà per farci un passaggio nel 2021, ma anche ad Halloween l’abitazione si trasforma: Babbo Natale e le sue renne lasciano il posto a streghe, zombi e tombe, con un’altra coreografia molto americana.

Cadeau: un labirinto da paura dal quale i bambini devono passare per arrivare all’agognato dolcetto.

Abbiamo accennato alla figlia di Steve ed Emilia, Susan, che, perfetta bilingue, a Godega di Sant’Urbano gestisce ormai da anni un asilo nido “I tigrotti”, dove i piccoli imparano ad esprimersi sia in italiano che in inglese. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button