Veneto

Riprese le escursioni in montagna: fare massima attenzione. Manutenzione sentieri in ritardo

A seguito della ripresa dell’attivita all’aria aperta e visti i recenti interventi sulle montagne venete, il Soccorso Alpino invita i frequentatori a mantenere alta l’attenzione.

A causa dell’emergenza Covid – 19 durante i mesi passati non si è potuto provvedere alla normale manutenzione della rete sentieristica, molti itinerari risultano compromessi dalla caduta di piante o frane.

È quindi possibile perdere l’orientamento o mettersi in difficoltà qualora si cerchino percorsi alternativi. Meglio tornare sui propri passi.

Sopra i 2.300 metri di quota nei versanti a nord c’è ancora molta neve, è quindi indispensabile portare con sé l’opportuna attrezzatura.

Non vanno sottovalutati nemmeno i brevi colatoi nevosi che si possono incontrare sui sentieri più facili. Seguite sempre la segnaletica convenzionale ed evitate varianti e scorciatoie.

Qualora vi doveste accorgere di non vedere più i segnali, non cercate di procedere oltre, ma riprendete a ritroso il percorso.

Informatevi sempre sulla toponomastica dei luoghi dove intendete andare, dal nome della località di partenza a quella di arrivo, e condivideteli.

I rifugi continuano ad essere chiusi, restano aperti solo i bivacchi come strutture di emergenza.

Consigliamo di portare nel proprio zaino, assieme al kit di pronto soccorso, una mascherina in più e dei guanti, anche nel caso vi doveste trovare ad aiutare altre persone.

Avvicinatevi con gradualità alla montagna e riabituate il vostro fisico a muoversi in ambiente.

Informate di dove andate e dell’orario a cui dovreste rientrare, provvedendo ad avvisare in caso di cambiamenti sui programmi.
Consultate il bollettino meteo prima di ogni escursione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button